#recensionivelocidilibri

#已发帖 7394
Nella tua libreria ci sono alcuni libri che bisogna avere, un #musthave 🥰 Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle è sicuramente uno di quelli.
Ci insegna la tecnica della deduzione e del palazzo mentale, strumenti essenziali per non perdere nemmeno un pezzo della nostra vita, poi lui ci risolve anche casi, un grande insomma. #dueparolesullibro #recensionivelocidilibri #leggiamodipiù #arthurconandoyle #sherlockholmes #newtoncompton #bookblogger #bookstagram #bookstagramitalia #instabook #instalibri #libribelli #libridaleggere #bookworm #bookaholic #loveit
Nella tua libreria ci sono alcuni libri che bisogna avere, un #musthave 🥰 Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle è sicuramente uno di quelli. Ci insegna la tecnica della deduzione e del palazzo mentale, strumenti essenziali per non perdere nemmeno un pezzo della nostra vita, poi lui ci risolve anche casi, un grande insomma. #dueparolesullibro #recensionivelocidilibri #leggiamodipiù #arthurconandoyle #sherlockholmes #newtoncompton #bookblogger #bookstagram #bookstagramitalia #instabook #instalibri #libribelli #libridaleggere #bookworm #bookaholic #loveit
Contaminarsi "Scrivimilapellediquei 
coloricheiononso" 
Vorrei poter esprimere a parole ciò che ho provato leggendo le poesie e guardando le opere di @lucya_longo ed @artista_popolare , ma non ci riesco. 
Antonio e Lucia sono due artisti magnifici, con i quali ho avuto il piacere di fare amicizia alla fiera @un_vulcano_di_libri . 
Poesia ed arte f u s e insieme. 
Il loro libro lascia un segno indelebile. 
Mi hanno veramente sorpresa ❤️ #secondhandnature #leggiamoqui #contaminarsi #lucialongo #antonioconte #ereticaedizioni #autoriemergenti #editoriaindipendente #casaeditriceindipendente #arte #poesia #recensionelibri #recensione #recensionivelocidilibri #recensionilibri #libro #libri #segnalibro #segnalibri #autore #leggere #unvulcanodilibri #artista #parole #letteratura #libridaleggere #librichepassione #bookstagram #bookporn #bookaddict
Contaminarsi "Scrivimilapellediquei coloricheiononso" Vorrei poter esprimere a parole ciò che ho provato leggendo le poesie e guardando le opere di @lucya_longo ed @artista_popolare , ma non ci riesco. Antonio e Lucia sono due artisti magnifici, con i quali ho avuto il piacere di fare amicizia alla fiera @un_vulcano_di_libri . Poesia ed arte f u s e insieme. Il loro libro lascia un segno indelebile. Mi hanno veramente sorpresa ❤️ #secondhandnature #leggiamoqui #contaminarsi #lucialongo #antonioconte #ereticaedizioni #autoriemergenti #editoriaindipendente #casaeditriceindipendente #arte #poesia #recensionelibri #recensione #recensionivelocidilibri #recensionilibri #libro #libri #segnalibro #segnalibri #autore #leggere #unvulcanodilibri #artista #parole #letteratura #libridaleggere #librichepassione #bookstagram #bookporn #bookaddict
#LetturaErrante 🌎
.
.
Questa settimana vi porto nel #wisconsin con Shotgun Lovesongs, un libro di cui non ho voluto leggere la sinossi perché mi sono piaciuti il titolo e la copertina...Spero di non essermi sbagliata, vi farò sapere 🤓
.
.
Voi dove siete stati di bello questa settimana?
.
.
#BlogAStratto #Libri #librisulibri #Librichepassione #libridaleggere #Libribelli #lettura #Librimania #recensionivelocidilibri #Libriovunque #letturatime #feltrinelli #feltrinellieditore #leggosocial11 #america
#LetturaErrante 🌎 . . Questa settimana vi porto nel #wisconsin con Shotgun Lovesongs, un libro di cui non ho voluto leggere la sinossi perché mi sono piaciuti il titolo e la copertina...Spero di non essermi sbagliata, vi farò sapere 🤓 . . Voi dove siete stati di bello questa settimana? . . #BlogAStratto #Libri #librisulibri #Librichepassione #libridaleggere #Libribelli #lettura #Librimania #recensionivelocidilibri #Libriovunque #letturatime #feltrinelli #feltrinellieditore #leggosocial11 #america
Le mie ultime letture: Wherever she goes di Kelley Armstrong. Autrice strafamosa per la sua serie urban fantasy Women of the Otherworld in parte pubblicata anche in italiano e il telefilm che ne è stato tratto. Da qualche anno ha lasciato il classico genere urban fantasy per tornare verso il thriller o paranormal thriller, ma in questo genere non convince del tutto. 	In questo caso il libro è carino, l'indagine c'è, ma la protagonista è troppo dentro la sua testa per permettere al lettore di seguire l'azione. Invece finisce per seguire i suoi pensieri e rimorsi e congetture e questo toglie entusiasmo. #recensionivelocidilibri @goodreads
Le mie ultime letture: Wherever she goes di Kelley Armstrong. Autrice strafamosa per la sua serie urban fantasy Women of the Otherworld in parte pubblicata anche in italiano e il telefilm che ne è stato tratto. Da qualche anno ha lasciato il classico genere urban fantasy per tornare verso il thriller o paranormal thriller, ma in questo genere non convince del tutto. In questo caso il libro è carino, l'indagine c'è, ma la protagonista è troppo dentro la sua testa per permettere al lettore di seguire l'azione. Invece finisce per seguire i suoi pensieri e rimorsi e congetture e questo toglie entusiasmo. #recensionivelocidilibri @goodreads
#Repost @illibroeservito with @kimcy929_repost
• • • • • •
Oggi vi presento in anteprima un libro che sarà in vendita dal 5 maggio su Amazon. Come iniziare meglio questo mese? Siete curiosi? No??? Dovreste...
_________________________________"Domani viene sempre di lunedì " Armando Capozza @scazzumvivendi (pag. 337)
_________________________________Siamo in una Muzzano degli anni '70. Nel1971 per la precisione. A fare  da sfondo a questa storia  lo stabilimento petrolchimico di quest' isola conosciuta da pochi... I nostri quattro personaggi si conosceranno (o si ritroveranno) in occasione di una conferenza, proprio a Muzzano. Francesco, conosciuto da tutti come Chivo (il capretta???), giornalista presso Omnia nella sezione curiosità e pugile (per mantenersi in forma). Lisino, nipote del "tummarule" di paese, appassionato di carte e assiduo frequentatore del suo bar. Steve, esule della resistenza portoghese, studente in attesa di... Sofia, professoressa di biologia, occhi verdi bellissimi, di gran carattere. I nostri quattro personaggi saranno prima di tutto amici, fuggitivi poi, prigionieri e combattenti. Ho iniziato questo romanzo senza aspettarmi nulla. Un romanzo storico? Non proprio. Un noir? Forse. O forse no. Attraverso ritorni narrativi e finestre sul passato facciamo l'intima conoscenza di Chivo, Lisino, Steve, Sofia. Il personaggio che ho piu amato? Lisino. Un carattere autentico quanto maldestro e inopportuno. Il finale? Una bella sorpresa. Vi consiglio questo libro? Certo. Non voglio raccontarvi altro... Il bello è stato scoprirlo pagina dopo pagina, non rimarrete delusi.. _________________________________
"Eh figlia mia, che domani viene sempre di lunedì." (..)
"Come scusa?" (..)
"Scusa, ma tu quando inizi una dieta, quando la inizi? Lunedì. Quando ti stai riposando dal lavoro, che giorno è domani? Lunedì. La morale è che quando non ti sembra che possa peggiorare, può eccome."
_________________________________#illibroeservito #armandocapozza #scazzumvivendi #domanivienesempredilunedì #recensionilibri #booklover #recensionivelocidilibri #consiglilibri #consiglidilettura #libridaleggere #bookstagram #bookstagramitalia #20likes #likesforlike #followforf
#Repost @illibroeservito with @kimcy929_repost • • • • • • Oggi vi presento in anteprima un libro che sarà in vendita dal 5 maggio su Amazon. Come iniziare meglio questo mese? Siete curiosi? No??? Dovreste... _________________________________"Domani viene sempre di lunedì " Armando Capozza @scazzumvivendi (pag. 337) _________________________________Siamo in una Muzzano degli anni '70. Nel1971 per la precisione. A fare da sfondo a questa storia lo stabilimento petrolchimico di quest' isola conosciuta da pochi... I nostri quattro personaggi si conosceranno (o si ritroveranno) in occasione di una conferenza, proprio a Muzzano. Francesco, conosciuto da tutti come Chivo (il capretta???), giornalista presso Omnia nella sezione curiosità e pugile (per mantenersi in forma). Lisino, nipote del "tummarule" di paese, appassionato di carte e assiduo frequentatore del suo bar. Steve, esule della resistenza portoghese, studente in attesa di... Sofia, professoressa di biologia, occhi verdi bellissimi, di gran carattere. I nostri quattro personaggi saranno prima di tutto amici, fuggitivi poi, prigionieri e combattenti. Ho iniziato questo romanzo senza aspettarmi nulla. Un romanzo storico? Non proprio. Un noir? Forse. O forse no. Attraverso ritorni narrativi e finestre sul passato facciamo l'intima conoscenza di Chivo, Lisino, Steve, Sofia. Il personaggio che ho piu amato? Lisino. Un carattere autentico quanto maldestro e inopportuno. Il finale? Una bella sorpresa. Vi consiglio questo libro? Certo. Non voglio raccontarvi altro... Il bello è stato scoprirlo pagina dopo pagina, non rimarrete delusi.. _________________________________ "Eh figlia mia, che domani viene sempre di lunedì." (..) "Come scusa?" (..) "Scusa, ma tu quando inizi una dieta, quando la inizi? Lunedì. Quando ti stai riposando dal lavoro, che giorno è domani? Lunedì. La morale è che quando non ti sembra che possa peggiorare, può eccome." _________________________________#illibroeservito #armandocapozza #scazzumvivendi #domanivienesempredilunedì #recensionilibri #booklover #recensionivelocidilibri #consiglilibri #consiglidilettura #libridaleggere #bookstagram #bookstagramitalia #20likes #likesforlike #followforf
#recensionelibro e #Repost @maryon_garreth_autrice
Per #dolcecomeilfiele
🤩🤩🤩🤩
・・・
In genere prima di scegliere un libro leggo la trama e qualche recensione per sapere più o meno ciò che mi aspetta. Stavolta invece dopo aver letto la trama/ricetta ho subito cliccato su acquista con un click e boom mi sono davvero ritrovata con un mix sapiente di dolce, agro e speziato. @sarap.grey riesce a descrivere i personaggi in un modo reale (sarà anche che immagino il bellissimo Damiano Carrara nel ruolo di Lorenzo???) Ho divorato il libro in un giorno e mezzo, comprese le incombenze quotidiane. È una scrittura semplice fluida, non ci si annoia e ti fa immaginare l'intera storia scorrerti davanti come un film delle più belle romantiche commedie americane.

Amalia la bella ed esuberante protagonista si ritrova sul malgrado ad essere incastrata in uno show culinario stile Bake Off, con tanto di gare ad eliminazione e di giudici severi tra cui suo padre che è la causa della partecipazione allo show e l'affascinante quanto autoritario e detestabile Chef Lorenzo Ardanti. 
Tra i due protagonisti l'antipatia reciproca farà alzare l'audience dello show, ma ben presto sia Amalia che lo Chef capiscono che l'astio è dovuto alla loro feroce attrazione. Danno così inizio ad una storia clandestina piena di passione ma anche di parole non dette, la testardaggine e l'orgoglio di entrambi li separano ben presto.

Non vi dico altro, non voglio spoilerare, questo è uno di quei libri che leggerete e rileggerete sotto l'ombrellone, sul divano di casa o appollaiati sul vostro fenicottero gonfiabile in piscina. Una storia completa di amore, ritorsioni, sentimenti contrastanti e tanto orgoglio che separa dal cuore e dal sangue

#libridaleggere #instagood #instabook
#booklover #bookstagram #librichepassione #librisulibri #readabook #reading #drieditore #picoftheday #recensionilibri #recensionivelocidilibri #instasun
#recensionelibro e #Repost @maryon_garreth_autrice Per #dolcecomeilfiele 🤩🤩🤩🤩 ・・・ In genere prima di scegliere un libro leggo la trama e qualche recensione per sapere più o meno ciò che mi aspetta. Stavolta invece dopo aver letto la trama/ricetta ho subito cliccato su acquista con un click e boom mi sono davvero ritrovata con un mix sapiente di dolce, agro e speziato. @sarap.grey riesce a descrivere i personaggi in un modo reale (sarà anche che immagino il bellissimo Damiano Carrara nel ruolo di Lorenzo???) Ho divorato il libro in un giorno e mezzo, comprese le incombenze quotidiane. È una scrittura semplice fluida, non ci si annoia e ti fa immaginare l'intera storia scorrerti davanti come un film delle più belle romantiche commedie americane. Amalia la bella ed esuberante protagonista si ritrova sul malgrado ad essere incastrata in uno show culinario stile Bake Off, con tanto di gare ad eliminazione e di giudici severi tra cui suo padre che è la causa della partecipazione allo show e l'affascinante quanto autoritario e detestabile Chef Lorenzo Ardanti. Tra i due protagonisti l'antipatia reciproca farà alzare l'audience dello show, ma ben presto sia Amalia che lo Chef capiscono che l'astio è dovuto alla loro feroce attrazione. Danno così inizio ad una storia clandestina piena di passione ma anche di parole non dette, la testardaggine e l'orgoglio di entrambi li separano ben presto. Non vi dico altro, non voglio spoilerare, questo è uno di quei libri che leggerete e rileggerete sotto l'ombrellone, sul divano di casa o appollaiati sul vostro fenicottero gonfiabile in piscina. Una storia completa di amore, ritorsioni, sentimenti contrastanti e tanto orgoglio che separa dal cuore e dal sangue #libridaleggere #instagood #instabook #booklover #bookstagram #librichepassione #librisulibri #readabook #reading #drieditore #picoftheday #recensionilibri #recensionivelocidilibri #instasun
In genere prima di scegliere un libro leggo la trama e qualche recensione per sapere più o meno ciò che mi aspetta. Stavolta invece dopo aver letto la trama/ricetta ho subito cliccato su acquista con un click e boom mi sono davvero ritrovata con un mix sapiente di dolce, agro e speziato. @sarap.grey riesce a descrivere i personaggi in un modo reale (sarà anche che immagino il bellissimo Damiano Carrara nel ruolo di Lorenzo???) Ho divorato il libro in un giorno e mezzo, comprese le incombenze quotidiane. È una scrittura semplice fluida, non ci si annoia e ti fa immaginare l'intera storia scorrerti davanti come un film delle più belle romantiche commedie americane.

Amalia la bella ed esuberante protagonista si ritrova sul malgrado ad essere incastrata in uno show culinario stile Bake Off, con tanto di gare ad eliminazione e di giudici severi tra cui suo padre che è la causa della partecipazione allo show e l'affascinante quanto autoritario e detestabile Chef Lorenzo Ardanti. 
Tra i due protagonisti l'antipatia reciproca farà alzare l'audience dello show, ma ben presto sia Amalia che lo Chef capiscono che l'astio è dovuto alla loro feroce attrazione. Danno così inizio ad una storia clandestina piena di passione ma anche di parole non dette, la testardaggine e l'orgoglio di entrambi li separano ben presto.

Non vi dico altro, non voglio spoilerare, questo è uno di quei libri che leggerete e rileggerete sotto l'ombrellone, sul divano di casa o appollaiati sul vostro fenicottero gonfiabile in piscina. Una storia completa di amore, ritorsioni, sentimenti contrastanti e tanto orgoglio che separa dal cuore e dal sangue

#libridaleggere #instagood #instabook
#booklover #bookstagram #librichepassione #librisulibri #readabook #reading #drieditore #picoftheday #recensionilibri #recensionivelocidilibri #instasun
In genere prima di scegliere un libro leggo la trama e qualche recensione per sapere più o meno ciò che mi aspetta. Stavolta invece dopo aver letto la trama/ricetta ho subito cliccato su acquista con un click e boom mi sono davvero ritrovata con un mix sapiente di dolce, agro e speziato. @sarap.grey riesce a descrivere i personaggi in un modo reale (sarà anche che immagino il bellissimo Damiano Carrara nel ruolo di Lorenzo???) Ho divorato il libro in un giorno e mezzo, comprese le incombenze quotidiane. È una scrittura semplice fluida, non ci si annoia e ti fa immaginare l'intera storia scorrerti davanti come un film delle più belle romantiche commedie americane. Amalia la bella ed esuberante protagonista si ritrova sul malgrado ad essere incastrata in uno show culinario stile Bake Off, con tanto di gare ad eliminazione e di giudici severi tra cui suo padre che è la causa della partecipazione allo show e l'affascinante quanto autoritario e detestabile Chef Lorenzo Ardanti. Tra i due protagonisti l'antipatia reciproca farà alzare l'audience dello show, ma ben presto sia Amalia che lo Chef capiscono che l'astio è dovuto alla loro feroce attrazione. Danno così inizio ad una storia clandestina piena di passione ma anche di parole non dette, la testardaggine e l'orgoglio di entrambi li separano ben presto. Non vi dico altro, non voglio spoilerare, questo è uno di quei libri che leggerete e rileggerete sotto l'ombrellone, sul divano di casa o appollaiati sul vostro fenicottero gonfiabile in piscina. Una storia completa di amore, ritorsioni, sentimenti contrastanti e tanto orgoglio che separa dal cuore e dal sangue #libridaleggere #instagood #instabook #booklover #bookstagram #librichepassione #librisulibri #readabook #reading #drieditore #picoftheday #recensionilibri #recensionivelocidilibri #instasun
📍Si dice che preferiamo ignorare la verità per non soffrire; sarà questo il caso di Marco e Antonio? I due amici dal carattere opposto, poliziotto impulsivo il primo, perspicace detective privato il secondo, si ritrovano a indagare sulla morte di alcune ragazze. I particolari per Antonio non lasciano dubbi, siamo in presenza di un serial killer. Tra false piste e colpi di scena, la squadra creata dal detective si ritrova in un locale abbandonato per proseguire le indagini. Perché il distretto di polizia non è sicuro? Quale elemento porterà i ragazzi a scontrarsi col passato? E, soprattutto, cosa lega il loro passato con gli omicidi?
⠀
🖋Un giallo che pagina dopo pagina diventa sempre più coinvolgente strizzando l’occhio al psico thriller. Durante la lettura qualche tratto mi è sembrato inverosimile; l’autrice è stata però abile nel ricostruire la trama e unire tutti tasselli sul finale.
Per un’appassionata di thriller come me, lo stile appare ancora un po’ acerbo ma si notano chiaramente le abilità della giovane autrice.
⠀
❌ Per il suo potenziale il libro meritava molta più attenzione nella correzione della bozza prima di mandarla in stampa. Avrebbero potuto stanare, così, vari errori di distrazione/battitura che infastidiscono il lettore e vanno a minare l’opinione che si ha della CE.
⠀
Ringrazio @soniaferrarowriter per la fiducia e per avermi fornito il suo libro ☺️
•
•
•
#bookloversquad #thriller #librigialli #scrittoriemergenti #lontanidallaverità #librimania #recensionivelocidilibri #booknerd #leggichetipassa
📍Si dice che preferiamo ignorare la verità per non soffrire; sarà questo il caso di Marco e Antonio? I due amici dal carattere opposto, poliziotto impulsivo il primo, perspicace detective privato il secondo, si ritrovano a indagare sulla morte di alcune ragazze. I particolari per Antonio non lasciano dubbi, siamo in presenza di un serial killer. Tra false piste e colpi di scena, la squadra creata dal detective si ritrova in un locale abbandonato per proseguire le indagini. Perché il distretto di polizia non è sicuro? Quale elemento porterà i ragazzi a scontrarsi col passato? E, soprattutto, cosa lega il loro passato con gli omicidi? ⠀ 🖋Un giallo che pagina dopo pagina diventa sempre più coinvolgente strizzando l’occhio al psico thriller. Durante la lettura qualche tratto mi è sembrato inverosimile; l’autrice è stata però abile nel ricostruire la trama e unire tutti tasselli sul finale. Per un’appassionata di thriller come me, lo stile appare ancora un po’ acerbo ma si notano chiaramente le abilità della giovane autrice. ⠀ ❌ Per il suo potenziale il libro meritava molta più attenzione nella correzione della bozza prima di mandarla in stampa. Avrebbero potuto stanare, così, vari errori di distrazione/battitura che infastidiscono il lettore e vanno a minare l’opinione che si ha della CE. ⠀ Ringrazio @soniaferrarowriter per la fiducia e per avermi fornito il suo libro ☺️ • • • #bookloversquad #thriller #librigialli #scrittoriemergenti #lontanidallaverità #librimania #recensionivelocidilibri #booknerd #leggichetipassa
Sara Brivio è una scrittrice da sempre ignorata, che dopo avere ereditato una grande fortuna decide di vendicarsi istituendo, insieme ad un gruppo di amiche, il Premio Brivio  per 'scrittori veri'. Non conoscete il Premio Brivio? Per forza non avete ancora letto "Il giardino delle scrittrici nude" @feltrinelli_editore @piersandropallavicini . Una lettura profonda e leggera che propone al lettore un'avventura irresistibilmente comica, piena di colpi di scena, ma che fa anche riflettere tanto. Come tutti i libri belli e' impossibile spiegare ed anche un peccato. Se sono riuscita a stuzzicare la vostra curiosità non vi resta altro che fare un salto in libreria a dargli uno sguardo e chissà' se non lo porterete a casa con voi!  Buon pomeriggio! 😊📕📘📖.... #ilibridigio #lettura #leggere #leggere sempre #libriconsigliati #booklife #bookaddict #librichepassione #bookstagram #booklover #libridaleggere #librisulibri #segnalibri #recensioni #recensionivelocidilibri #followme #summerbooks #moodygrams
Sara Brivio è una scrittrice da sempre ignorata, che dopo avere ereditato una grande fortuna decide di vendicarsi istituendo, insieme ad un gruppo di amiche, il Premio Brivio per 'scrittori veri'. Non conoscete il Premio Brivio? Per forza non avete ancora letto "Il giardino delle scrittrici nude" @feltrinelli_editore @piersandropallavicini . Una lettura profonda e leggera che propone al lettore un'avventura irresistibilmente comica, piena di colpi di scena, ma che fa anche riflettere tanto. Come tutti i libri belli e' impossibile spiegare ed anche un peccato. Se sono riuscita a stuzzicare la vostra curiosità non vi resta altro che fare un salto in libreria a dargli uno sguardo e chissà' se non lo porterete a casa con voi! Buon pomeriggio! 😊📕📘📖.... #ilibridigio #lettura #leggere #leggere sempre #libriconsigliati #booklife #bookaddict #librichepassione #bookstagram #booklover #libridaleggere #librisulibri #segnalibri #recensioni #recensionivelocidilibri #followme #summerbooks #moodygrams
Ieri ho letto della notizia della scomparsa di Matteo Torre, mi ha lasciato leggermente sconvolta sia perché da poco ho letto il suo saggio “In mezzo al mare” sia per la sua giovane età.
Per quanto riguarda il libro è stato un viaggio nel inconscio e negli atteggiamenti umani, riuscendo a farmi vergognare di alcuni dei meccanismi consci e inconsci. Sono 7 atti dove esplica ogni atteggiamento con racconti emblematici e che ti arrivano giusto al cuore e ti migliorano la visione del mondo, perché sono le parole di una persona che ha osservato gli atteggiamenti umani e li ha descritti nei minimi dettagli. 
Consigliato in pieno.

#mattiatorre #inmezzoalmare #libri #saggi #libridaleggere #librichepassione #librimania #libridaleggereprimadimorire #riflessioni #book #booklike #likebook #librisulcomodino #riflessioniprofonde #bookstagram #booklover #recensionivelocidilibri
Ieri ho letto della notizia della scomparsa di Matteo Torre, mi ha lasciato leggermente sconvolta sia perché da poco ho letto il suo saggio “In mezzo al mare” sia per la sua giovane età. Per quanto riguarda il libro è stato un viaggio nel inconscio e negli atteggiamenti umani, riuscendo a farmi vergognare di alcuni dei meccanismi consci e inconsci. Sono 7 atti dove esplica ogni atteggiamento con racconti emblematici e che ti arrivano giusto al cuore e ti migliorano la visione del mondo, perché sono le parole di una persona che ha osservato gli atteggiamenti umani e li ha descritti nei minimi dettagli. Consigliato in pieno. #mattiatorre #inmezzoalmare #libri #saggi #libridaleggere #librichepassione #librimania #libridaleggereprimadimorire #riflessioni #book #booklike #likebook #librisulcomodino #riflessioniprofonde #bookstagram #booklover #recensionivelocidilibri
1984 - George Orwell "Sempre, nello stomaco e su per la pelle, una specie di protesta, il sentimento che si era stati derubati di qualcosa alla quale si aveva pur diritto." George Orwell, invertendo le ultime due cifre dell'anno in cui scrive, immagina il futuro nel 1984, quando il mondo è diviso in tre grandi potenze: Oceania, Estasia e Eurasia, in perenne guerra fra loro.
Tutti sono osservati e soggiogati da un sistema politico-sociale chiamato Grande Fratello che predica il Socing e il cui potere si esplicita nel Partito. Il Grande Fratello ha occhi e orecchie dappertutto, ogni teleschermo è posizionato nelle case e negli ambienti comuni. Non esiste alcuna privacy.
Il protagonista, Winston Smith appartiene al Partito, ha la specifica mansione di correggere la storia e gli eventi come sono raccontati nei giornali in base a ciò che il Grande Fratello fa o dice nel presente. Winston però comincia a farsi delle domande, comprende che esiste una volontà che va oltre il Grande Fratello, che non può essere del tutto corrotta.

Quello di privacy è un concetto assolutamente moderno, Orwell in maniera visionaria parla dei nostri giorni, della tecnologia, dei piccoli dispositivi dotati di telecamera e microfono che portiamo sempre con noi come un'appendice di noi stessi.

Nell'immagine: 
Occhio meccanico, acrilico e carboncino
1984 - George Orwell "Sempre, nello stomaco e su per la pelle, una specie di protesta, il sentimento che si era stati derubati di qualcosa alla quale si aveva pur diritto." George Orwell, invertendo le ultime due cifre dell'anno in cui scrive, immagina il futuro nel 1984, quando il mondo è diviso in tre grandi potenze: Oceania, Estasia e Eurasia, in perenne guerra fra loro. Tutti sono osservati e soggiogati da un sistema politico-sociale chiamato Grande Fratello che predica il Socing e il cui potere si esplicita nel Partito. Il Grande Fratello ha occhi e orecchie dappertutto, ogni teleschermo è posizionato nelle case e negli ambienti comuni. Non esiste alcuna privacy. Il protagonista, Winston Smith appartiene al Partito, ha la specifica mansione di correggere la storia e gli eventi come sono raccontati nei giornali in base a ciò che il Grande Fratello fa o dice nel presente. Winston però comincia a farsi delle domande, comprende che esiste una volontà che va oltre il Grande Fratello, che non può essere del tutto corrotta. Quello di privacy è un concetto assolutamente moderno, Orwell in maniera visionaria parla dei nostri giorni, della tecnologia, dei piccoli dispositivi dotati di telecamera e microfono che portiamo sempre con noi come un'appendice di noi stessi. Nell'immagine: Occhio meccanico, acrilico e carboncino
Appena finito di leggere, ci ho messo un bel po’ per via degli esami di mezzo.
🔅Trama: “Quando la newyorkese Rachel Chu accetta di conoscere la famiglia del fidanzato Nicholas Young [...] certo non si immagina che Nick è lo scapolo d’oro del mondo asiatico [...] e che probabilmente nel corso della sua vita lui ha preso più jet privati che taxi. [...] E sicuramente non può arrivare a pensare che la madre del fidanzato le ha messo un detective privato alle calcagna perché sicuramente lei non è all’altezza del figlio, l’uomo più ricco di tutta l’Asia.”
🔅 Stile: la scorrevolezza è a mio avviso mortificata da una serie di vocaboli stranieri, appartenenti allo slang asiatico, di cui si riportano traduzione e spiegazione in nota.
🔅Sì e no: la trama prende poco, risulta leggermente più corposa giusto sul finale. Delle 400 e passa pagine, insomma, parecchie potevano essere evitate. Rimane comunque una piacevole lettura da ombrellone, soprattutto per chi ama fantasticare su una realtà così gold & glamour.
~~~~~~~•
#comequandoleggo #bookstagram #books #asiatici #reading #currentlyreading #booklover #asiaticiricchidapazzi #bibliophile #darlingweekend #bookish #bookaddict #bookaesthetic #thehappynow #reader #leggiamoqui #mondadori #bookster #jasmine #recensionivelocidilibri #bookporn #literature #mybookfeatures #library #recensionilibri #bookstagrammer #aladdin #vscobooks #livros #booklover
Appena finito di leggere, ci ho messo un bel po’ per via degli esami di mezzo. 🔅Trama: “Quando la newyorkese Rachel Chu accetta di conoscere la famiglia del fidanzato Nicholas Young [...] certo non si immagina che Nick è lo scapolo d’oro del mondo asiatico [...] e che probabilmente nel corso della sua vita lui ha preso più jet privati che taxi. [...] E sicuramente non può arrivare a pensare che la madre del fidanzato le ha messo un detective privato alle calcagna perché sicuramente lei non è all’altezza del figlio, l’uomo più ricco di tutta l’Asia.” 🔅 Stile: la scorrevolezza è a mio avviso mortificata da una serie di vocaboli stranieri, appartenenti allo slang asiatico, di cui si riportano traduzione e spiegazione in nota. 🔅Sì e no: la trama prende poco, risulta leggermente più corposa giusto sul finale. Delle 400 e passa pagine, insomma, parecchie potevano essere evitate. Rimane comunque una piacevole lettura da ombrellone, soprattutto per chi ama fantasticare su una realtà così gold & glamour. ~~~~~~~• #comequandoleggo #bookstagram #books #asiatici #reading #currentlyreading #booklover #asiaticiricchidapazzi #bibliophile #darlingweekend #bookish #bookaddict #bookaesthetic #thehappynow #reader #leggiamoqui #mondadori #bookster #jasmine #recensionivelocidilibri #bookporn #literature #mybookfeatures #library #recensionilibri #bookstagrammer #aladdin #vscobooks #livros #booklover
C’era una sala d’aspetto apposta per i bambini. Era piena di vecchi giochi.
La madre si abbandonò sulla poltrona reclinabile, la stessa che si trovava in tutte le stanze. Guardava il suo piccolo, tutto sommato tranquillo, che rovistava nella scatola delle costruzioni, come faceva sempre. L’ansia e la stanchezza le sembrarono insopportabili. Voleva solo spegnere ogni cosa e volare via. Pouf, ciao. Ma il bimbo se ne accorse e la richiamò sulla terra con la sua voce acuta e insopportabile: “mamma! Mamma!”.
Lei scattò come una molla: “cosa c’è?”. “Ho fame!”, piagnucolò quello. “Sono le due di notte”, rispose lei, “vieni qui, tra poco arriva il dottore”. Lo prese in braccio per provare ad addormentarlo. E lui si addormentò, esausto. In quei momenti era la cosa più bella del mondo.
Osservò l’intera stanza. La barella, lo scaffale dei libri, le prese elettriche a norma, la luce troppo bianca, i giocattoli sul pavimento di pvc azzurro. Il bambolotto. Il bambolotto nudo e sporco. Il bambolotto con l’aria vispa e sana. Che non si lamentava. Era così perfetto. Un pensiero la sfiorò, le passò accanto e schizzò lungo i corridoi silenziosi. Poi tornò così velocemente che lei non ebbe il tempo di sentirlo arrivare, di spostarsi o di pararsi. La trafisse e basta. Va bene. Doveva solo farlo, ed era la cosa giusta per lei. Prese il figlio che respirava profondamente e lo poggiò sulla barella. Due infermiere parlottavano nel corridoio. Aspettò che si allontanassero. Coprì il piccolo con una coperta. Raccolse il bambolotto, lo avvolse nella giacca del figlio e uscì dall’ospedale. Fuori non c’era un’anima.
Montò in macchina. Girò la chiave, il quadro si accese. Si voltò verso il bambolotto, ritto sul sedile del passeggero, tranquillo e silenzioso. Bravo piccolo. Non doveva neanche mettergli quelle dannate cinture del seggiolino, sempre aggrovigliate. Non si sarebbe mai ammalato. Era perfetto. Si sentì euforica come una ragazza. Ma durò il tempo di una fiamma senza ossigeno. Si accorse che il bambolotto aveva solo due dita in una mano. E dunque ancora visite, dottori, operazioni, complicazioni. Le venne da piangere. E pianse.
C’era una sala d’aspetto apposta per i bambini. Era piena di vecchi giochi. La madre si abbandonò sulla poltrona reclinabile, la stessa che si trovava in tutte le stanze. Guardava il suo piccolo, tutto sommato tranquillo, che rovistava nella scatola delle costruzioni, come faceva sempre. L’ansia e la stanchezza le sembrarono insopportabili. Voleva solo spegnere ogni cosa e volare via. Pouf, ciao. Ma il bimbo se ne accorse e la richiamò sulla terra con la sua voce acuta e insopportabile: “mamma! Mamma!”. Lei scattò come una molla: “cosa c’è?”. “Ho fame!”, piagnucolò quello. “Sono le due di notte”, rispose lei, “vieni qui, tra poco arriva il dottore”. Lo prese in braccio per provare ad addormentarlo. E lui si addormentò, esausto. In quei momenti era la cosa più bella del mondo. Osservò l’intera stanza. La barella, lo scaffale dei libri, le prese elettriche a norma, la luce troppo bianca, i giocattoli sul pavimento di pvc azzurro. Il bambolotto. Il bambolotto nudo e sporco. Il bambolotto con l’aria vispa e sana. Che non si lamentava. Era così perfetto. Un pensiero la sfiorò, le passò accanto e schizzò lungo i corridoi silenziosi. Poi tornò così velocemente che lei non ebbe il tempo di sentirlo arrivare, di spostarsi o di pararsi. La trafisse e basta. Va bene. Doveva solo farlo, ed era la cosa giusta per lei. Prese il figlio che respirava profondamente e lo poggiò sulla barella. Due infermiere parlottavano nel corridoio. Aspettò che si allontanassero. Coprì il piccolo con una coperta. Raccolse il bambolotto, lo avvolse nella giacca del figlio e uscì dall’ospedale. Fuori non c’era un’anima. Montò in macchina. Girò la chiave, il quadro si accese. Si voltò verso il bambolotto, ritto sul sedile del passeggero, tranquillo e silenzioso. Bravo piccolo. Non doveva neanche mettergli quelle dannate cinture del seggiolino, sempre aggrovigliate. Non si sarebbe mai ammalato. Era perfetto. Si sentì euforica come una ragazza. Ma durò il tempo di una fiamma senza ossigeno. Si accorse che il bambolotto aveva solo due dita in una mano. E dunque ancora visite, dottori, operazioni, complicazioni. Le venne da piangere. E pianse.
Cronache (letterarie) dalla poltrona.
Un libro consigliato ogni settimana.
Recensioni anarchiche da una lettrice incallita.
Diffondiamo il bello, diffondiamo la letteratura.
Questa settimana ➡️ La cattedrale del mare - I. Falcones ⬅️
.
#cronachedallapoltrona #cultura #cultureclub #booklover #books #bookeater #bookgram #bookstagram #videos #video #videooftheday #recensionivelocidilibri #videorecensione #labellezzacisalverà #beautywillsavetheworld  #saturdaymorning #saturdaymood #woman #club #lifeinpink #blondlife #womanpower #girlpower #lacattedraledelmare #falcones #idelfonsofalcones #letteraturainpoltrona #barcelona #santamariadelmar
Cronache (letterarie) dalla poltrona. Un libro consigliato ogni settimana. Recensioni anarchiche da una lettrice incallita. Diffondiamo il bello, diffondiamo la letteratura. Questa settimana ➡️ La cattedrale del mare - I. Falcones ⬅️ . #cronachedallapoltrona #cultura #cultureclub #booklover #books #bookeater #bookgram #bookstagram #videos #video #videooftheday #recensionivelocidilibri #videorecensione #labellezzacisalverà #beautywillsavetheworld #saturdaymorning #saturdaymood #woman #club #lifeinpink #blondlife #womanpower #girlpower #lacattedraledelmare #falcones #idelfonsofalcones #letteraturainpoltrona #barcelona #santamariadelmar
"PROMESSE - Due indagini di Lincoln Rhyme e Amelia Sachs" di Jeffery Deaver (pag. 123) @solferinolibri
💍💍
"Promesse" ed "In assenza di prove", sono i due episodi che compongono questo libro. Nel primo, dopo aver celebrato il loro matrimonio sul lago di Como, la coppia si trova coinvolta in un tentato omicidio. Nel secondo, i due vengono chiamati in causa per l''incidente di un aereo inabissato nell'oceano atlantico, per cause tutte da chiarire. Non conoscevo prima la serie di Lincoln Rhyme e Amelia Sachs, che ammonta, credo, a circa quindici episodi? Correggetemi pure se sbaglio! Ho trovato i racconti piuttosto banali e scontati, nessuna tensione o colpi di scena, e non ho avuto da subito una forte empatia con la coppia. Pecca, forse, non averli conosciuti prima??? Il libro si legge velocemente, in un'ora, il tempo di una chiacchiera e un caffè!!! Ahimè! Non me ne vogliano I fans della serie, ma lo sconsiglio ai non affezionati!!!
E voi, cosa ne pensate? 💍💍
#illibroeservito #solferinolibri #jefferydeaver #promesse #lamialibreria #bookstagram #bookstagramitalia #leggeresempre #booklover #instalibri #instabook #librisulibri #recensionivelocidilibri #recensionilibri
#libridaspiaggia #librilibrilibri
"PROMESSE - Due indagini di Lincoln Rhyme e Amelia Sachs" di Jeffery Deaver (pag. 123) @solferinolibri 💍💍 "Promesse" ed "In assenza di prove", sono i due episodi che compongono questo libro. Nel primo, dopo aver celebrato il loro matrimonio sul lago di Como, la coppia si trova coinvolta in un tentato omicidio. Nel secondo, i due vengono chiamati in causa per l''incidente di un aereo inabissato nell'oceano atlantico, per cause tutte da chiarire. Non conoscevo prima la serie di Lincoln Rhyme e Amelia Sachs, che ammonta, credo, a circa quindici episodi? Correggetemi pure se sbaglio! Ho trovato i racconti piuttosto banali e scontati, nessuna tensione o colpi di scena, e non ho avuto da subito una forte empatia con la coppia. Pecca, forse, non averli conosciuti prima??? Il libro si legge velocemente, in un'ora, il tempo di una chiacchiera e un caffè!!! Ahimè! Non me ne vogliano I fans della serie, ma lo sconsiglio ai non affezionati!!! E voi, cosa ne pensate? 💍💍 #illibroeservito #solferinolibri #jefferydeaver #promesse #lamialibreria #bookstagram #bookstagramitalia #leggeresempre #booklover #instalibri #instabook #librisulibri #recensionivelocidilibri #recensionilibri #libridaspiaggia #librilibrilibri
<Buongiorno! Eccoci alla fine di un'altra settimana con
🌻 #lugliodaleggere 🌻
di @ale_lovebooks, @brithefool, @abookforadream e @fallinbooks._
.
G. 20: Il libro più corto che possiedi.
. 
Si tratta di Letters to a young poet di Rainer Maria Rilke, una new entry nella mia libreria insieme ad altri mini @penguinukbooks. 
Mi piacciono molto le poesie di Rilke, quindi non potevo non prendere questo volumetto di 50 pagine. 
Voi lo avete letto?>
.
.
.
#lettereaungiovanepoeta #rainermariarilke #libridaleggere #librichepassione #leggerefabene #consiglidilettura #instalibri #libridaleggere #penguinclassics #leggerechepassione #lettori #letteratura #bookstagramitalia #librimania #libridaleggereprimadimorire #leggeresempre #recensionivelocidilibri #buonipropositi #lettura #ioleggo #amoleggere #libribelli #piccolilibri🌵 #italiainlettura #ticonsigliounlibro #ioleggoperché
#lugliodaleggere 🌻 di @ale_lovebooks, @brithefool, @abookforadream e @fallinbooks._ . G. 20: Il libro più corto che possiedi. . Si tratta di Letters to a young poet di Rainer Maria Rilke, una new entry nella mia libreria insieme ad altri mini @penguinukbooks. Mi piacciono molto le poesie di Rilke, quindi non potevo non prendere questo volumetto di 50 pagine. Voi lo avete letto?> . . . #lettereaungiovanepoeta #rainermariarilke #libridaleggere #librichepassione #leggerefabene #consiglidilettura #instalibri #libridaleggere #penguinclassics #leggerechepassione #lettori #letteratura #bookstagramitalia #librimania #libridaleggereprimadimorire #leggeresempre #recensionivelocidilibri #buonipropositi #lettura #ioleggo #amoleggere #libribelli #piccolilibri🌵 #italiainlettura #ticonsigliounlibro #ioleggoperché
"E l'amore non scompare mai definitivamente. Si annida in qualche piega d'ombra, va in letargo, si inabissa, ma non si disfa"
#lidiaravera #ioamoleggere❤️ #ioleggoperché #libri #lettur#letturatime #recensionivelocidilibri
"E l'amore non scompare mai definitivamente. Si annida in qualche piega d'ombra, va in letargo, si inabissa, ma non si disfa" #lidiaravera #ioamoleggere❤️ #ioleggoperché #libri #lettur#letturatime #recensionivelocidilibri
L'amicizia è uno di quei valori che non tramontano mai: tutti abbiamo una persona speciale con la quale condividere gioie e dolori, crescere insieme, migliorarsi a vicenda.
È per questo che vi proponiamo la lettura di
"Amici per la pelle", di Monica Ongaro❣
Trama:
~ La storia che l’Autrice racconta in questo agile e piacevole romanzo è quella di un’amicizia dalle radici forti, che affondano nel terreno dell’adolescenza per crescere nella quotidianità della vita adulta. Un’amicizia che sostiene, con allegria e spensieratezza, i momenti più complicati di una giovane e brillante donna e che fa scaturire nel cuore di quest’ultima autentici sentimenti di riconoscenza e affetto.~
.
.
.
.
#book #bookstagram #booklover #recensionivelocidilibri #trama #autori #scrittori #citazioni #aforismi #caseeditrici 
#amicizia #lettureestive #leggere
L'amicizia è uno di quei valori che non tramontano mai: tutti abbiamo una persona speciale con la quale condividere gioie e dolori, crescere insieme, migliorarsi a vicenda. È per questo che vi proponiamo la lettura di "Amici per la pelle", di Monica Ongaro❣ Trama: ~ La storia che l’Autrice racconta in questo agile e piacevole romanzo è quella di un’amicizia dalle radici forti, che affondano nel terreno dell’adolescenza per crescere nella quotidianità della vita adulta. Un’amicizia che sostiene, con allegria e spensieratezza, i momenti più complicati di una giovane e brillante donna e che fa scaturire nel cuore di quest’ultima autentici sentimenti di riconoscenza e affetto.~ . . . . #book #bookstagram #booklover #recensionivelocidilibri #trama #autori #scrittori #citazioni #aforismi #caseeditrici #amicizia #lettureestive #leggere
"Anche la morte da in vacanza al lago" di @ornellanalon (@0111edizioni )
#recensione di Beatrice Rurini per #gliscrittoridellaportaaccanto
.
Ho terminato l'ultimo romanzo di Ornella Nalon, ci ho messo un po' per centellinarlo degnamente. Come seconda esperienza di crime mi pare ben riuscita. La trama è geniale anche se lascia spazio alle interpretazioni e risulta quasi semplice scovare il colpevole. Dialoghi forse un po' leziosi ma nel complesso non disturbano. Breve il romanzo in sé ma aperto a trame collaterali senza invadere il principale motivo di scrittura. Direi che siamo sulla buona strada per intraprendere anche questa tematica. Brava!
.
.
#recensioni #recensionivelocidilibri #thriller #librogiallo #leggeregialli #leggigliscrittoridellaportaaccanto #recensionilibri #recensionelibri #recensionelibro #0111 #0111edizioni #agatachristie #omicidi
"Anche la morte da in vacanza al lago" di @ornellanalon (@0111edizioni ) #recensione di Beatrice Rurini per #gliscrittoridellaportaaccanto . Ho terminato l'ultimo romanzo di Ornella Nalon, ci ho messo un po' per centellinarlo degnamente. Come seconda esperienza di crime mi pare ben riuscita. La trama è geniale anche se lascia spazio alle interpretazioni e risulta quasi semplice scovare il colpevole. Dialoghi forse un po' leziosi ma nel complesso non disturbano. Breve il romanzo in sé ma aperto a trame collaterali senza invadere il principale motivo di scrittura. Direi che siamo sulla buona strada per intraprendere anche questa tematica. Brava! . . #recensioni #recensionivelocidilibri #thriller #librogiallo #leggeregialli #leggigliscrittoridellaportaaccanto #recensionilibri #recensionelibri #recensionelibro #0111 #0111edizioni #agatachristie #omicidi
«Quelli che hanno relazioni clandestine, mentre vivono nel timore che gli altri le scoprano, sono allo stesso tempo convinti di essere così bravi e complici e discreti che nessuno può avere capito, nessuno. Il problema è che tutti gli altri colgono invece, guardandola dal di fuori, l’intimità innaturale che quelle due persone emanano».
*
La separazione del maschio di Francesco Piccola è senza dubbio il mio preferito di questo autore. Strano a dirsi perché il protagonista è un uomo sposato che ammette tranquillamente le sue relazioni extraconiugali e non ha problemi a dire che oltre alla moglie Teresa lui è innamorato anche di Francesca, Valeria, Silvia e l’elenco potrebbe continuare. Sarà un maniaco del sesso, fedifrago e traditore seriale ma almeno non è ipocrita.
*
È un maschio vorrei dire, ma poi qualche maschio avrebbe da ridire aggiungendo: non siamo tutti così (o almeno io non sono così). [Cosa bellissima del 2019: conoscere Francesco Piccolo, cercare di contenere l’emozione folle della me lettrice, vantarmi per una volta di essere casertana come lui, ringraziarlo per aver scritto questo libro che mi ha fatto capire i maschi]. —————————————————
#francescopiccolo #laseparazionedelmaschio #einaudi #gliamabililibri #libri #consiglidilettura #libridaleggere #booksofinsta #instabook #bookstagram #bookcommunity #bookphoto #reader #bibliophile #booklover #bookblogger #libripreferiti #libriinvaligia #librichepassione #libribelli #librimania #recensionivelocidilibri #relationship
«Quelli che hanno relazioni clandestine, mentre vivono nel timore che gli altri le scoprano, sono allo stesso tempo convinti di essere così bravi e complici e discreti che nessuno può avere capito, nessuno. Il problema è che tutti gli altri colgono invece, guardandola dal di fuori, l’intimità innaturale che quelle due persone emanano». * La separazione del maschio di Francesco Piccola è senza dubbio il mio preferito di questo autore. Strano a dirsi perché il protagonista è un uomo sposato che ammette tranquillamente le sue relazioni extraconiugali e non ha problemi a dire che oltre alla moglie Teresa lui è innamorato anche di Francesca, Valeria, Silvia e l’elenco potrebbe continuare. Sarà un maniaco del sesso, fedifrago e traditore seriale ma almeno non è ipocrita. * È un maschio vorrei dire, ma poi qualche maschio avrebbe da ridire aggiungendo: non siamo tutti così (o almeno io non sono così). [Cosa bellissima del 2019: conoscere Francesco Piccolo, cercare di contenere l’emozione folle della me lettrice, vantarmi per una volta di essere casertana come lui, ringraziarlo per aver scritto questo libro che mi ha fatto capire i maschi]. ————————————————— #francescopiccolo #laseparazionedelmaschio #einaudi #gliamabililibri #libri #consiglidilettura #libridaleggere #booksofinsta #instabook #bookstagram #bookcommunity #bookphoto #reader #bibliophile #booklover #bookblogger #libripreferiti #libriinvaligia #librichepassione #libribelli #librimania #recensionivelocidilibri #relationship
Il naso di #dante è quello del ritratto di #giotto, che #seymourkirkup riprodusse facendosi rinchiudere nel #bargello. La copia fu dunque consegnata a Gabriele Rossetti, primo interprete allegorista della #divinacommedia, e ne ispirò il figlio #dantegabrielrossetti. Questo erudito #libro, però, racconta il succedersi delle letture esoteriche del poema più che l'iconografia del suo autore, prendendo le mosse dalle lettere di Kirkup acquistate da #pierluigivercesi sulla mitica bancarella davanti al tribunale di #milano. #preraffaelliti #preraphaelites #libro #libri #leggere #libridaleggere #librichepassione #leggerechepassione #bookstagram #booksofinstagram #bookadvisor #recensionilibri #recensionivelocidilibri #consiglidilettura @neripozza
Il naso di #dante è quello del ritratto di #giotto, che #seymourkirkup riprodusse facendosi rinchiudere nel #bargello. La copia fu dunque consegnata a Gabriele Rossetti, primo interprete allegorista della #divinacommedia, e ne ispirò il figlio #dantegabrielrossetti. Questo erudito #libro, però, racconta il succedersi delle letture esoteriche del poema più che l'iconografia del suo autore, prendendo le mosse dalle lettere di Kirkup acquistate da #pierluigivercesi sulla mitica bancarella davanti al tribunale di #milano. #preraffaelliti #preraphaelites #libro #libri #leggere #libridaleggere #librichepassione #leggerechepassione #bookstagram #booksofinstagram #bookadvisor #recensionilibri #recensionivelocidilibri #consiglidilettura @neripozza
Questo libro con i suoi protagonisti mandano da sempre un messaggio di tolleranza ed accettazione, ma soprattutto la riscoperta del valore dei sentimenti e dei legami affettivi, motivo per cui questa favola andrebbe riletta più volte nel corso della nostra vita, un promemoria di ciò che per noi è realmente importante ma che per paura di soffrire tendiamo a dimenticare.

Il Piccolo Principe è un misterioso bambino proveniente da un pianeta minuscolo, con tanta voglia di conoscere gli uomini e le loro abitudini. 
In ogni capitolo  incontra personaggi diversi, ognuna di queste figure bizzarre lascia il Piccolo Principe stupito e sconcertato per la stranezza delle persone adulte.

Questo libro, questo volume in particolar modo, ha un caro significato per me. 
Tiene al suo interno ricordi indelebili della mia adolescenza. 
In una giornata cosi speciale per l'umanità un libro incredibile che ha cambiato l'umanità.

Il Piccolo Principe  @libribompiani 
#favolareaifavolosi
#lorenzalegge

#libri #love 
#story #leggere 
#citazioni #poesia 
#instabook #bookstragram
#bookish #librimania
#albiillustrati #albiillustratiperbambini 
#libriperbambini #ioleggo 
#libridaleggere #recensionivelocidilibri 
#librichepassione #bambini

#piccoloprincipe #luna #sentimento #asteroide
Questo libro con i suoi protagonisti mandano da sempre un messaggio di tolleranza ed accettazione, ma soprattutto la riscoperta del valore dei sentimenti e dei legami affettivi, motivo per cui questa favola andrebbe riletta più volte nel corso della nostra vita, un promemoria di ciò che per noi è realmente importante ma che per paura di soffrire tendiamo a dimenticare. Il Piccolo Principe è un misterioso bambino proveniente da un pianeta minuscolo, con tanta voglia di conoscere gli uomini e le loro abitudini. In ogni capitolo incontra personaggi diversi, ognuna di queste figure bizzarre lascia il Piccolo Principe stupito e sconcertato per la stranezza delle persone adulte. Questo libro, questo volume in particolar modo, ha un caro significato per me. Tiene al suo interno ricordi indelebili della mia adolescenza. In una giornata cosi speciale per l'umanità un libro incredibile che ha cambiato l'umanità. Il Piccolo Principe @libribompiani #favolareaifavolosi #lorenzalegge #libri #love #story #leggere #citazioni #poesia #instabook #bookstragram #bookish #librimania #albiillustrati #albiillustratiperbambini #libriperbambini #ioleggo #libridaleggere #recensionivelocidilibri #librichepassione #bambini #piccoloprincipe #luna #sentimento #asteroide
📚🥳 Buongiorno Readers!!!🥳📚
Finalmente è sabato e ieri ho finito questo libro bellissimo di @raphaellegiordano !! Non potevo aspettare oltre per parlarvene... è un libro che fa riflettere molto e ti porta a fare anche un'autoanalisi sui tuoi comportamenti... certo, non vuole mica cambiare il mondo...! Però noi tutti possiamo sempre migliorarci e ci da degli spunti per farlo pur mantenendo una leggerezza disarmante!!📚 I miei complimenti all'autrice che dopo "la  tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola" di cui vi ho già parlato, ha mantenuto le aspettative che avevo!!! 👏👏 Il link al Blog con la recensione ve lo lascio nella biografia!!! ⬆️ L'avete letto? Cosa ne pensate? Vi ispira? 
Buon sabato #readers !!!💕
.
.
.
.
.
#bookblogger #booklover #books #bookstagrammer #bookstagram #leggiviviama #lovereading #reader #reading #timetoread #recensionilibri #recensione #recensionivelocidilibri #recensioni #libri #libridaleggere #leggeresempre #leggerechepassione #leggerefabene #ioleggoperché #raphaellegiordano #garzanti #garzantilibri #leggeremania #lettoridiinstagram #lettura #libridaleggereprimadimorire
📚🥳 Buongiorno Readers!!!🥳📚 Finalmente è sabato e ieri ho finito questo libro bellissimo di @raphaellegiordano !! Non potevo aspettare oltre per parlarvene... è un libro che fa riflettere molto e ti porta a fare anche un'autoanalisi sui tuoi comportamenti... certo, non vuole mica cambiare il mondo...! Però noi tutti possiamo sempre migliorarci e ci da degli spunti per farlo pur mantenendo una leggerezza disarmante!!📚 I miei complimenti all'autrice che dopo "la tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola" di cui vi ho già parlato, ha mantenuto le aspettative che avevo!!! 👏👏 Il link al Blog con la recensione ve lo lascio nella biografia!!! ⬆️ L'avete letto? Cosa ne pensate? Vi ispira? Buon sabato #readers !!!💕 . . . . . #bookblogger #booklover #books #bookstagrammer #bookstagram #leggiviviama #lovereading #reader #reading #timetoread #recensionilibri #recensione #recensionivelocidilibri #recensioni #libri #libridaleggere #leggeresempre #leggerechepassione #leggerefabene #ioleggoperché #raphaellegiordano #garzanti #garzantilibri #leggeremania #lettoridiinstagram #lettura #libridaleggereprimadimorire
Thriller dove tutte le tessere del puzzle vanno al loro posto solo nelle ultime pagine. 🌟 🌟 🌟 🌟
@alecattelan #recensionivelocidilibri
#cjtudor
Thriller dove tutte le tessere del puzzle vanno al loro posto solo nelle ultime pagine. 🌟 🌟 🌟 🌟 @alecattelan #recensionivelocidilibri #cjtudor
"Il paese di Mondo Piccolo è un puntino nero che si muove assieme ai suoi Pepponi e ai suoi Smilzi, in su e in giù lungo il fiume per quella fettaccia di terra che sta tra il Po e l'Appennino: ma il clima è questo. Il paesaggio è questo: e, in un paese come questo, basta fermarsi sulla strada a guardare una casa colonica affogata in mezzo al granturco e alla canapa, e subito nasce una storia".
La recensione su www.booklandia.it
#booklandia #libridaleggere #libriconsigliati #libri #letteraturaitaliana #aforismi #frasiitaliane #parole #librisulcomodino #libridine #libriamoci #libridaleggereassolutamente #autori #recensionivelocidilibri #consiglidilettura #letteraturaitaliana #ioleggo #lettrice #recensionidilibri #rizzoli #guareschi
"Il paese di Mondo Piccolo è un puntino nero che si muove assieme ai suoi Pepponi e ai suoi Smilzi, in su e in giù lungo il fiume per quella fettaccia di terra che sta tra il Po e l'Appennino: ma il clima è questo. Il paesaggio è questo: e, in un paese come questo, basta fermarsi sulla strada a guardare una casa colonica affogata in mezzo al granturco e alla canapa, e subito nasce una storia". La recensione su www.booklandia.it #booklandia #libridaleggere #libriconsigliati #libri #letteraturaitaliana #aforismi #frasiitaliane #parole #librisulcomodino #libridine #libriamoci #libridaleggereassolutamente #autori #recensionivelocidilibri #consiglidilettura #letteraturaitaliana #ioleggo #lettrice #recensionidilibri #rizzoli #guareschi
"LE PAROLE SULL'ARCOBALENO" è una raccolta di poesie di Piero Polidori @polopie73 Genesi Editrice (pag. 57).
Diciannove poesie da leggere "in dieci minuti di silenziosi sentimenti", come ci consiglia lo stesso autore. Io le ho lette nella tranquillità di un pomeriggio in riva al lago. La poesia serve ad arricchire il mondo in cui viviamo, a renderlo più accessibile e forse più comprensibile. Queste poesie  sono riflessioni sulla vita, sono emozioni, sentimenti, che hanno contribuito ad arricchire il poeta, nel bene e nel male. Dopo la pioggia, la tempesta, spunta sempre l'arcobaleno. E la poesia di Piero Polidori diventa realmente un arcobaleno, simbolo di armonia e di pace ritrovata dopo un periodo buio e combattuto. Piero si definisce un "impressionista", come i pittori "en plein air". E come quest'ultimi crede nella spontaneità e nella creatività di getto, del momento, e dipinge con le parole, su carta, le sue emozioni. Una raccolta di poesie che è una raccolta di sentimenti e di attimi, una raccolta di vita.
#illibroeservito #poesiacontemporanea
#poesiaitaliana #poesia #poesiesottolombrellone #collaborazione #bookstagram #bookstagramitalia #consiglilibri #poesie #ticonsigliounlibro #recensionilibri #recensionivelocidilibri #lamialibreria #poesieitaliane #instapoesia #leggeremania #leggereinviaggio #books
"LE PAROLE SULL'ARCOBALENO" è una raccolta di poesie di Piero Polidori @polopie73 Genesi Editrice (pag. 57). Diciannove poesie da leggere "in dieci minuti di silenziosi sentimenti", come ci consiglia lo stesso autore. Io le ho lette nella tranquillità di un pomeriggio in riva al lago. La poesia serve ad arricchire il mondo in cui viviamo, a renderlo più accessibile e forse più comprensibile. Queste poesie sono riflessioni sulla vita, sono emozioni, sentimenti, che hanno contribuito ad arricchire il poeta, nel bene e nel male. Dopo la pioggia, la tempesta, spunta sempre l'arcobaleno. E la poesia di Piero Polidori diventa realmente un arcobaleno, simbolo di armonia e di pace ritrovata dopo un periodo buio e combattuto. Piero si definisce un "impressionista", come i pittori "en plein air". E come quest'ultimi crede nella spontaneità e nella creatività di getto, del momento, e dipinge con le parole, su carta, le sue emozioni. Una raccolta di poesie che è una raccolta di sentimenti e di attimi, una raccolta di vita. #illibroeservito #poesiacontemporanea #poesiaitaliana #poesia #poesiesottolombrellone #collaborazione #bookstagram #bookstagramitalia #consiglilibri #poesie #ticonsigliounlibro #recensionilibri #recensionivelocidilibri #lamialibreria #poesieitaliane #instapoesia #leggeremania #leggereinviaggio #books
Qualche nuova chicca... Devo prepararmi per agosto (anche perché questo mese non sto leggendo tantissimo 😔).
Mi sto attrezzando come si deve: oltre a 7,4321 e il Silmarillion, ci sono le nuove uscite @giuntieditore, Il vecchio e il mare (questo lo voglio leggere da un secolo) e i Feltrinelli, che d'estate mi piacciono tanto perché ne faccio fuori uno al giorno 😁
Insomma sono di nuovo troppi 😅 ma è meglio avere più alternative, no? 🌊 🌊 🌊 🌊 
Le vostre letture sotto l'ombrellone? .
#BlogAStratto #Libri #librisulibri #Librichepassione #libridaleggere #Libribelli #lettura #Librimania #recensionivelocidilibri #Libriovunque #letturatime #mondadori #giuntieditore #feltrinelli
Qualche nuova chicca... Devo prepararmi per agosto (anche perché questo mese non sto leggendo tantissimo 😔). Mi sto attrezzando come si deve: oltre a 7,4321 e il Silmarillion, ci sono le nuove uscite @giuntieditore, Il vecchio e il mare (questo lo voglio leggere da un secolo) e i Feltrinelli, che d'estate mi piacciono tanto perché ne faccio fuori uno al giorno 😁 Insomma sono di nuovo troppi 😅 ma è meglio avere più alternative, no? 🌊 🌊 🌊 🌊 Le vostre letture sotto l'ombrellone? . #BlogAStratto #Libri #librisulibri #Librichepassione #libridaleggere #Libribelli #lettura #Librimania #recensionivelocidilibri #Libriovunque #letturatime #mondadori #giuntieditore #feltrinelli
#Libri 📚✍️
Dal nostro archivio, una #recensione di Tamara Marcelli per #gliscrittoridellaportaaccanto: "Io, Emanuela, agente della scorta di Paolo Borsellino" di Annalisa Strada (@einaudieditore Ragazzi). Anche di fronte alla paura, legittima, ci si deve comportare da Uomini. Anzi, da Donne.
Recensione completa su #gliscrittoridellaportaaccanto | link in bio 📲
.
.
#einaudi #librieinaudi #einaudieditore #recensioni #recensionivelocidilibri
#Libri 📚✍️ Dal nostro archivio, una #recensione di Tamara Marcelli per #gliscrittoridellaportaaccanto: "Io, Emanuela, agente della scorta di Paolo Borsellino" di Annalisa Strada (@einaudieditore Ragazzi). Anche di fronte alla paura, legittima, ci si deve comportare da Uomini. Anzi, da Donne. Recensione completa su #gliscrittoridellaportaaccanto | link in bio 📲 . . #einaudi #librieinaudi #einaudieditore #recensioni #recensionivelocidilibri
Alla voce "monotonia" sul dizionario compare una mia foto, però ormai lo sapete come funziono: quando vedo certi libri di certi autori in certi edizioni non resisto e compro. Oggi è successo proprio così alla @librerialibet con Vittorini e Sciascia. E voi penserete "che noia" e fate pure bene ma ormai la mia in loro difesa e supporto è proprio una crociata e non mi fermerò fino a quando non direte "e va bene, li leggerò". Ecco, solo allora sarò contenta 🌈

PS. Quello su Calvino è un libro bonus. L'ho preso alla cieca qualche settimana fa al Libraccio perché in copertina c'era proprio Italo e come si fa a dirgli di no?
Alla voce "monotonia" sul dizionario compare una mia foto, però ormai lo sapete come funziono: quando vedo certi libri di certi autori in certi edizioni non resisto e compro. Oggi è successo proprio così alla @librerialibet con Vittorini e Sciascia. E voi penserete "che noia" e fate pure bene ma ormai la mia in loro difesa e supporto è proprio una crociata e non mi fermerò fino a quando non direte "e va bene, li leggerò". Ecco, solo allora sarò contenta 🌈 PS. Quello su Calvino è un libro bonus. L'ho preso alla cieca qualche settimana fa al Libraccio perché in copertina c'era proprio Italo e come si fa a dirgli di no?
Da oggi parte la serie di video recensioni della nostra @sara_starlight.books (link in bio per seguire il suo canale) #recensionivelocidilibri #recensionivideodilibri #videorecensioni #pinkmagazineitaliablog
Da oggi parte la serie di video recensioni della nostra @sara_starlight.books (link in bio per seguire il suo canale) #recensionivelocidilibri #recensionivideodilibri #videorecensioni #pinkmagazineitaliablog
💙RECENSIONE 💙
TITOLO: La corte di nebbia e furia 
AUTRICE: Sarah J. Maas
CE: Mondadori
VALUTAZIONE: ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️/5
.
“Soᥣᥲ ᥒᥱᥣᥣᥲ mιᥲ ᥴᥲmᥱrᥲ, mι rᥱsι ᥴoᥒto dι ᥒoᥒ ρotᥱr rιᥴordᥲrᥱ ᥣ’ᥙᥣtιmᥲ voᥣtᥲ ᥴhᥱ ᥲvᥱvo dᥲvvᥱro rιso.”
.
Alla fine del primo libro sembrerebbe tutto finito, niente più nemici da combattere o da temere ma in realtà non è così. Invece di vivere spensierata e felice la sua vita al fianco del suo amato Tamlin, Feyre non è più la stessa dopo ciò che è stata costretta a fare e a subire. La rabbia, l’odio e il senso di colpa la stanno distruggendo un po’ alla volta. Ogni notte le tenebre la avvolgono portandola ad affrontare incubi terribili e questo vuoto che si è creato nel suo cuore sembrerebbe impossibile da risanare. Anche Tamlin è cambiato, sembra non capire che Feyre che non è più la fragile ragazza umana di cui si è innamorato e tende ad estraniarla da ciò che sta succedendo oltre i confini, rilegandola sempre di più in casa per l’ossessione di perderla senza accorgersi che in realtà così la sta allontanando. Tutto ciò porta Feyre a non sopportare più questa vita, si sente oppressa e prigioniera ed è proprio per questo che davanti all’altare tutta la sua sofferenza emerge, invocando aiuto. Rhysan percepisce la sua richiesta e si presenta proprio in quel momento per reclamare il loro patto, impedendole di sposarsi e portandola alla Corte della Notte. Sebbene all’inizio il loro rapporto non sia dei migliori a causa della diffidenza di Feyre, poi pian piano cambierà. Con il passare del tempo infatti, si accorgerà che Rhysand non è quella persona spietata e senza cuore che tutti credono perché ciò rappresenta solo una facciata che mette in scena per proteggere ciò a cui tiene di più! Alla Corte della Notte scoprirà inoltre la presenza di una minaccia imminente che incombe non solo su Prithyan ma anche sul regno degli umani, sulla sua famiglia e forse sarà proprio lei la chiave di tutto!
CONTINUA⬇️⬇️⬇️
💙RECENSIONE 💙 TITOLO: La corte di nebbia e furia AUTRICE: Sarah J. Maas CE: Mondadori VALUTAZIONE: ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️/5 . “Soᥣᥲ ᥒᥱᥣᥣᥲ mιᥲ ᥴᥲmᥱrᥲ, mι rᥱsι ᥴoᥒto dι ᥒoᥒ ρotᥱr rιᥴordᥲrᥱ ᥣ’ᥙᥣtιmᥲ voᥣtᥲ ᥴhᥱ ᥲvᥱvo dᥲvvᥱro rιso.” . Alla fine del primo libro sembrerebbe tutto finito, niente più nemici da combattere o da temere ma in realtà non è così. Invece di vivere spensierata e felice la sua vita al fianco del suo amato Tamlin, Feyre non è più la stessa dopo ciò che è stata costretta a fare e a subire. La rabbia, l’odio e il senso di colpa la stanno distruggendo un po’ alla volta. Ogni notte le tenebre la avvolgono portandola ad affrontare incubi terribili e questo vuoto che si è creato nel suo cuore sembrerebbe impossibile da risanare. Anche Tamlin è cambiato, sembra non capire che Feyre che non è più la fragile ragazza umana di cui si è innamorato e tende ad estraniarla da ciò che sta succedendo oltre i confini, rilegandola sempre di più in casa per l’ossessione di perderla senza accorgersi che in realtà così la sta allontanando. Tutto ciò porta Feyre a non sopportare più questa vita, si sente oppressa e prigioniera ed è proprio per questo che davanti all’altare tutta la sua sofferenza emerge, invocando aiuto. Rhysan percepisce la sua richiesta e si presenta proprio in quel momento per reclamare il loro patto, impedendole di sposarsi e portandola alla Corte della Notte. Sebbene all’inizio il loro rapporto non sia dei migliori a causa della diffidenza di Feyre, poi pian piano cambierà. Con il passare del tempo infatti, si accorgerà che Rhysand non è quella persona spietata e senza cuore che tutti credono perché ciò rappresenta solo una facciata che mette in scena per proteggere ciò a cui tiene di più! Alla Corte della Notte scoprirà inoltre la presenza di una minaccia imminente che incombe non solo su Prithyan ma anche sul regno degli umani, sulla sua famiglia e forse sarà proprio lei la chiave di tutto! CONTINUA⬇️⬇️⬇️
📚RECENSIONE del libro LA GLORIA DEL SANGUE di GIULIA COPPA edito @europaeditions in collaborazione con @the_melted_soul (link in bio per recensione completa)📚 SINOSSI:
La morte di Davide le piomba addosso come la lama di una ghigliottina, l'anima fugge nel disperato tentativo di raggiungerlo e il corpo, ormai ridotto a una carcassa in cui rimbombano i ricordi, si trascina inerme per gli angoli bui della città. Alessia ha perso l'amore e si smarrisce nei torbidi dedali della vita, cercando di appagare l'istinto, non avendo altro desiderio che sparire dalla faccia della terra. Un mondo fantastico, cui si accede come in un gioco di scatole cinesi; la fine di un amore segna l'alba di una catarsi, l'abbandono dell'io nella perversione, poi la purificazione e la trascendenza. La ferita è rimarginata e al posto della cicatrice sta l'impronta di una nuova, sublime identità. Una storia in cui convergono più generi, dal fantasy all'horror, dal giallo al nero, con la costante presenza di una sfumatura rosa che a tratti si tinge di rosso carminio.
RECENSIONE:
La gloria del sangue di Giulia Coppa è un romanzo che comprende diversi generi, oscilla dal fantasy fino ad arrivare al genere horror[..] #booksintheheart #recensionivelocidilibri #booksforlife #booksforever #scrittriceitaliana #leggerechepassione #booklover #bookblogger #bookstagram
📚RECENSIONE del libro LA GLORIA DEL SANGUE di GIULIA COPPA edito @europaeditions in collaborazione con @the_melted_soul (link in bio per recensione completa)📚 SINOSSI: La morte di Davide le piomba addosso come la lama di una ghigliottina, l'anima fugge nel disperato tentativo di raggiungerlo e il corpo, ormai ridotto a una carcassa in cui rimbombano i ricordi, si trascina inerme per gli angoli bui della città. Alessia ha perso l'amore e si smarrisce nei torbidi dedali della vita, cercando di appagare l'istinto, non avendo altro desiderio che sparire dalla faccia della terra. Un mondo fantastico, cui si accede come in un gioco di scatole cinesi; la fine di un amore segna l'alba di una catarsi, l'abbandono dell'io nella perversione, poi la purificazione e la trascendenza. La ferita è rimarginata e al posto della cicatrice sta l'impronta di una nuova, sublime identità. Una storia in cui convergono più generi, dal fantasy all'horror, dal giallo al nero, con la costante presenza di una sfumatura rosa che a tratti si tinge di rosso carminio. RECENSIONE: La gloria del sangue di Giulia Coppa è un romanzo che comprende diversi generi, oscilla dal fantasy fino ad arrivare al genere horror[..] #booksintheheart #recensionivelocidilibri #booksforlife #booksforever #scrittriceitaliana #leggerechepassione #booklover #bookblogger #bookstagram
“La donna che sbatteva nelle porte” di Roddy Doyle edito @guanda_editore •
Paula Spencer e’ una donna che ha vissuto il peggiore degli incubi: ha sposato un uomo violento, la picchia senza motivo anche davanti ai figli, la priva di ogni minima dignita’ umana, ma Paula resta al suo fianco, sicura che senza di lui non potra’ continuare a vivere.
•
Fino al giorno in cui per amore dei figli mettera’ fine a questa vita che l’ha ridotta un’alcolizzata che passa le sue giornate sognando il momento in cui i figli andranno a dormire per annullarsi ancora di piu’ bevendo.
•
E’ una storia “classica” sul tema violenza sulle donne che non fa mai male leggere anche se a dire la verita’ non mi ha convinta del tutto soprattutto perche’ per buona parte del romanzo non succede nulla, Paula ricorda quando era giovane, la sua infanzia non facile, il suo incontro con Charlo e tante, troppe pagine vanno avanti cosi’ con la conseguente perdita d’attenzione del lettore.
•
Insomma tutto si poteva raccontare con la meta’ delle pagine secondo me, ve lo consiglio? Ni, ve lo sconsiglio? Idem..
____________________________
#guandaeditore #roddydoyle #libri #bookstagram #recensionilibri #recensionivelocidilibri #librisulibri #librisottolineati #libriusati #librinuovi #libriovunque #nofilter #bookreviews
“La donna che sbatteva nelle porte” di Roddy Doyle edito @guanda_editore • Paula Spencer e’ una donna che ha vissuto il peggiore degli incubi: ha sposato un uomo violento, la picchia senza motivo anche davanti ai figli, la priva di ogni minima dignita’ umana, ma Paula resta al suo fianco, sicura che senza di lui non potra’ continuare a vivere. • Fino al giorno in cui per amore dei figli mettera’ fine a questa vita che l’ha ridotta un’alcolizzata che passa le sue giornate sognando il momento in cui i figli andranno a dormire per annullarsi ancora di piu’ bevendo. • E’ una storia “classica” sul tema violenza sulle donne che non fa mai male leggere anche se a dire la verita’ non mi ha convinta del tutto soprattutto perche’ per buona parte del romanzo non succede nulla, Paula ricorda quando era giovane, la sua infanzia non facile, il suo incontro con Charlo e tante, troppe pagine vanno avanti cosi’ con la conseguente perdita d’attenzione del lettore. • Insomma tutto si poteva raccontare con la meta’ delle pagine secondo me, ve lo consiglio? Ni, ve lo sconsiglio? Idem.. ____________________________ #guandaeditore #roddydoyle #libri #bookstagram #recensionilibri #recensionivelocidilibri #librisulibri #librisottolineati #libriusati #librinuovi #libriovunque #nofilter #bookreviews
📚RECENSIONE TIME📚
“Opera struggente di un formidabile genio” di Dave Eggers - edizione @feltrinelli_editore *
Non so davvero cosa dire di questo libro e quante parole spendere a riguardo. E' stata la lettura più brutta, fino ad ora, del 2019 ed anche definirlo romanzo lo trovo eccessivo. Devo però ammet­tere di non avere più la predisposizione d'animo per leggere storie di malattia, soprattutto se non a lieto fine. Nonostante ciò e nonostante aver desistito dall’abbandonare la lettura, credo di aver compiuto uno sforzo inutile. Il libro in questione è autobiografico, l’autore romanza la storia della sua famiglia, la perdita di entrambi i genitori per malattia e di come si sia ritrovato, poco più che ventenne, a dover fare da padre al fratellino di 8 anni insieme alla sorella ed al fratello maggiori. La trama presenta il libro in modo quasi irriverente perché obiettivo dell’autore è alleggerire la tragicità della storia e le responsabilità del suo ruolo, usando toni distaccati ed un linguaggio isterico. Ma, a mio parere, tale approccio non si pone a suo favore poiché emerge una storia quasi di degrado in cui forse sarebbe stato necessario l’intervento dei servizi sociali.
Ho provato fastidio nel leggere come e dove questo bambino venisse cresciuto, nonostante la consapevolezza del protagonista, Dave, di non agire nel migliore dei modi nei confronti del fratel­lo minore; cibo spazzatura, vestiti sporchi, casa lurida e disordinata, linguaggio non appro­priato sommati, inoltre, al menefreghi­smo professionale perché protetto dalla coperta economica a seguito della morte dei genito­ri. 400 e più pagine di questo delirio in cui solo verso la fine inizia ad emergere il senso di colpa di Dave nei confronti del ricordo dei genitori, che non solo non avevano avuto sepol­tura ma le cui ceneri erano state "abbandonate". Un libro in cui emergono tanti sentimenti  contrastanti ma soprattutto irresponsabilità ed irrequietezza; la storia è, si, struggente ma lui non è un formidabile genio e credo che sia proprio questo il punto che l’autore abbia voluto far emergere. Ma io, comunque, il libro non lo consiglierei a nessuno.
#operastruggentediunformidabilegenio #daveeggers
📚RECENSIONE TIME📚 “Opera struggente di un formidabile genio” di Dave Eggers - edizione @feltrinelli_editore * Non so davvero cosa dire di questo libro e quante parole spendere a riguardo. E' stata la lettura più brutta, fino ad ora, del 2019 ed anche definirlo romanzo lo trovo eccessivo. Devo però ammet­tere di non avere più la predisposizione d'animo per leggere storie di malattia, soprattutto se non a lieto fine. Nonostante ciò e nonostante aver desistito dall’abbandonare la lettura, credo di aver compiuto uno sforzo inutile. Il libro in questione è autobiografico, l’autore romanza la storia della sua famiglia, la perdita di entrambi i genitori per malattia e di come si sia ritrovato, poco più che ventenne, a dover fare da padre al fratellino di 8 anni insieme alla sorella ed al fratello maggiori. La trama presenta il libro in modo quasi irriverente perché obiettivo dell’autore è alleggerire la tragicità della storia e le responsabilità del suo ruolo, usando toni distaccati ed un linguaggio isterico. Ma, a mio parere, tale approccio non si pone a suo favore poiché emerge una storia quasi di degrado in cui forse sarebbe stato necessario l’intervento dei servizi sociali. Ho provato fastidio nel leggere come e dove questo bambino venisse cresciuto, nonostante la consapevolezza del protagonista, Dave, di non agire nel migliore dei modi nei confronti del fratel­lo minore; cibo spazzatura, vestiti sporchi, casa lurida e disordinata, linguaggio non appro­priato sommati, inoltre, al menefreghi­smo professionale perché protetto dalla coperta economica a seguito della morte dei genito­ri. 400 e più pagine di questo delirio in cui solo verso la fine inizia ad emergere il senso di colpa di Dave nei confronti del ricordo dei genitori, che non solo non avevano avuto sepol­tura ma le cui ceneri erano state "abbandonate". Un libro in cui emergono tanti sentimenti contrastanti ma soprattutto irresponsabilità ed irrequietezza; la storia è, si, struggente ma lui non è un formidabile genio e credo che sia proprio questo il punto che l’autore abbia voluto far emergere. Ma io, comunque, il libro non lo consiglierei a nessuno. #operastruggentediunformidabilegenio #daveeggers
"E avevano continuato così per sempre, congelati nella loro vita di eterni studenti in cui i concerti, i libri e i film erano più importanti che per le altre persone della loro età."
🎀
1/5
Pag. 316
Storia strampalata, inconsistente e neppure tanto ben scritta. Annie, Duncan e Tucker difficilmente riescono a suscitare la simpatia del lettore, più spesso risultano assurdi o deliranti. Nessuna emozione, nessun colpo di scena, tutto ampiamente prevedibile. La scrittura è leggera e scorrevole, seppure non priva di ripetizioni e passaggi inutili allo svolgimento delle vicende. Il romanzo risulta a tratti noioso e poco stimolante, tanto che le 316 pagine, impiegate per raccontare una storia tanto inconsistente, risultano essere davvero troppe. Grande delusione. 
#nickhornby #tuttaunaltramusica #julietnaked #guanda #tascabili #romanzo #tuckercrowe #annie #duncan #recensionivelocidilibri #recensione #piccolerecensioni #review #smallreviews #amoleer #amoleggere #delusione #bookstagram #books #ancheno #picoftheday #bookphotography
"E avevano continuato così per sempre, congelati nella loro vita di eterni studenti in cui i concerti, i libri e i film erano più importanti che per le altre persone della loro età." 🎀 1/5 Pag. 316 Storia strampalata, inconsistente e neppure tanto ben scritta. Annie, Duncan e Tucker difficilmente riescono a suscitare la simpatia del lettore, più spesso risultano assurdi o deliranti. Nessuna emozione, nessun colpo di scena, tutto ampiamente prevedibile. La scrittura è leggera e scorrevole, seppure non priva di ripetizioni e passaggi inutili allo svolgimento delle vicende. Il romanzo risulta a tratti noioso e poco stimolante, tanto che le 316 pagine, impiegate per raccontare una storia tanto inconsistente, risultano essere davvero troppe. Grande delusione. #nickhornby #tuttaunaltramusica #julietnaked #guanda #tascabili #romanzo #tuckercrowe #annie #duncan #recensionivelocidilibri #recensione #piccolerecensioni #review #smallreviews #amoleer #amoleggere #delusione #bookstagram #books #ancheno #picoftheday #bookphotography
@laterzalinea1 omaggia il maestro Andrea Camilleri attraverso la delicatezza delle parole di un bisnonno che può solo consegnare a Matilda e a noi la luce preziosa del dubbio. Martedì durante la puntata di Come Maic con @maicperani @federicobigoni e la sottoscritta. #laterzalinea1 #libri #books #recensionivelocidilibri #libro #libriconsigliati #leggere #libridaleggere #passionelibri #lettrice #radio #woman
@laterzalinea1 omaggia il maestro Andrea Camilleri attraverso la delicatezza delle parole di un bisnonno che può solo consegnare a Matilda e a noi la luce preziosa del dubbio. Martedì durante la puntata di Come Maic con @maicperani @federicobigoni e la sottoscritta. #laterzalinea1 #libri #books #recensionivelocidilibri #libro #libriconsigliati #leggere #libridaleggere #passionelibri #lettrice #radio #woman
Le vittorie 🏆vanno festeggiate e noi vogliamo farlo con voi❤️ Abbiamo vinto il concorso indetto da #ibs "Caccia allo Strega 2019" e ci piacerebbe regalarvi uno dei libri in gara che abbiamo letto. 
Per partecipare poche regole:
-seguire il nostro profilo
-indicare il titolo che si vorrebbe ricevere e svelarci il motivo della scelta -Invitare 2 amici
-Condividere il post nelle storie, taggandoci.
Il giveaway finirà il 03 agosto! Nelle storie verrà taggato il vincitore estratto a sorte. 💛In bocca al lupo 💛

TITOLI
1 Lux di E. Marangoni
2 Fedeltà di M. Missiroli
3 M il figlio del secolo di A. Scurati
4 Quella metà di noi di P. Cereda
5 Addio fantasmi di N. Terranova
6 Il rumore del mondo di B. Cibrario
❤️🏆❤️🏆❤️🏆❤️🏆
#ibs #cacciaallostrega #premiostrega #premiostrega2019 #giveaway
#concorsiletterali #recensionivelocidilibri #libri #librisulibri #librisulcomodino #librisempre #libriovunque #librinecessari #amoreperlalettura #leggerechepassione
Le vittorie 🏆vanno festeggiate e noi vogliamo farlo con voi❤️ Abbiamo vinto il concorso indetto da #ibs "Caccia allo Strega 2019" e ci piacerebbe regalarvi uno dei libri in gara che abbiamo letto. Per partecipare poche regole: -seguire il nostro profilo -indicare il titolo che si vorrebbe ricevere e svelarci il motivo della scelta -Invitare 2 amici -Condividere il post nelle storie, taggandoci. Il giveaway finirà il 03 agosto! Nelle storie verrà taggato il vincitore estratto a sorte. 💛In bocca al lupo 💛 TITOLI 1 Lux di E. Marangoni 2 Fedeltà di M. Missiroli 3 M il figlio del secolo di A. Scurati 4 Quella metà di noi di P. Cereda 5 Addio fantasmi di N. Terranova 6 Il rumore del mondo di B. Cibrario ❤️🏆❤️🏆❤️🏆❤️🏆 #ibs #cacciaallostrega #premiostrega #premiostrega2019 #giveaway #concorsiletterali #recensionivelocidilibri #libri #librisulibri #librisulcomodino #librisempre #libriovunque #librinecessari #amoreperlalettura #leggerechepassione
#Repost @l.arte.di.leggere with @get_repost
・・・
💭 Oggi vi mostro l’ultimo libro che ho letto per il gruppo di lettura di @staffettaumanitaria, nel mare ci sono i coccodrilli.
.
Penso che questo libro sia davvero meraviglioso. Come genere ricorda i romanzi di formazione: il protagonista è Enaiatollah Akbari che racconta, in un dialogo con Fabio Geda, la sua esperienza di vita, partendo da quando era bambino fino al presente, età ormai adulta.
La storia di Enaiatollah è la storia della sua fuga dall’Afghanistan. Negli anni della sua odissea e del suo tormento gira tre paesi trovando infine rifugio nel quarto, l’Italia.
.
Guardate i bambini di 10/12 anni e pensate ad Enaiatollah. Lui a quell’età non era così: lavorava come schiavo, o per farsi un po’ di soldi. Sperimentava l’esser clandestino, il non essere voluto, il risentimento, il razzismo e la gentilezza, l’umanità, la comprensione, l’altruismo di chi ti dice ‘ti aiuto io’ o semplicemente lo fa.
.
Leggete questo libro, e avrete il racconto di 8 anni trascorsi così. 8 anni in cui Enaiatollah sospende la sua vita, la sua età, i suoi affetti.
Leggete questo libro, dopo aver guardato i bambini che giocano spensierati. Riflettete sul fatto che, quella spensieratezza, deriva da una fortuna, una tranquillità e un privilegio che non tutti hanno la possibilità di vivere.
Leggete questo libro per sentire la voce di quei bambini a cui è stato tolto il diritto di essere bambini.
.
Ho letto questo libro nei pochi giorni che ho passato a Roma, e ho pensato di fare la foto con lo sfondo del Tevere, nei pressi di Castel Sant’Angelo... nel Tevere ci sono i coccodrilli insomma 🐊
•
Chi di voi ha letto questo libro? Cosa ne pensate? Se non lo avete letto, vi attira?

______________________________________________________________________________________________________________

#staffettaumanitaria #umanità #fabiogeda #bookstagramitalia #consigliodilettura #nelmarecisonoicoccodrilli #leggi #leggo #libreria #libri #razzismo #uguaglianza #diritti #bibliophile #passionelibri #controilrazzismo #restiamoumani #recensione #gentilezza #recensionivelocidilibri #baldinicastoldi #roma #tevere #castelsantangelo #baldinicastoldi
#Repost @l.arte.di.leggere with @get_repost ・・・ 💭 Oggi vi mostro l’ultimo libro che ho letto per il gruppo di lettura di @staffettaumanitaria, nel mare ci sono i coccodrilli. . Penso che questo libro sia davvero meraviglioso. Come genere ricorda i romanzi di formazione: il protagonista è Enaiatollah Akbari che racconta, in un dialogo con Fabio Geda, la sua esperienza di vita, partendo da quando era bambino fino al presente, età ormai adulta. La storia di Enaiatollah è la storia della sua fuga dall’Afghanistan. Negli anni della sua odissea e del suo tormento gira tre paesi trovando infine rifugio nel quarto, l’Italia. . Guardate i bambini di 10/12 anni e pensate ad Enaiatollah. Lui a quell’età non era così: lavorava come schiavo, o per farsi un po’ di soldi. Sperimentava l’esser clandestino, il non essere voluto, il risentimento, il razzismo e la gentilezza, l’umanità, la comprensione, l’altruismo di chi ti dice ‘ti aiuto io’ o semplicemente lo fa. . Leggete questo libro, e avrete il racconto di 8 anni trascorsi così. 8 anni in cui Enaiatollah sospende la sua vita, la sua età, i suoi affetti. Leggete questo libro, dopo aver guardato i bambini che giocano spensierati. Riflettete sul fatto che, quella spensieratezza, deriva da una fortuna, una tranquillità e un privilegio che non tutti hanno la possibilità di vivere. Leggete questo libro per sentire la voce di quei bambini a cui è stato tolto il diritto di essere bambini. . Ho letto questo libro nei pochi giorni che ho passato a Roma, e ho pensato di fare la foto con lo sfondo del Tevere, nei pressi di Castel Sant’Angelo... nel Tevere ci sono i coccodrilli insomma 🐊 • Chi di voi ha letto questo libro? Cosa ne pensate? Se non lo avete letto, vi attira? ______________________________________________________________________________________________________________ #staffettaumanitaria #umanità #fabiogeda #bookstagramitalia #consigliodilettura #nelmarecisonoicoccodrilli #leggi #leggo #libreria #libri #razzismo #uguaglianza #diritti #bibliophile #passionelibri #controilrazzismo #restiamoumani #recensione #gentilezza #recensionivelocidilibri #baldinicastoldi #roma #tevere #castelsantangelo #baldinicastoldi
<Io oso fare tutto ciò che può essere degno di un uomo, chi osa di più non lo è.
.
🌻 #lugliodaleggere 🌻
di @ale_lovebooks, @brithefool, @abookforadream e @fallinbooks._
.
G. 19: Un libro che ti hanno prestato e non hai mai restituito.
.
Non esiste che io non restituisca un libro in prestito, quindi ho ribaltato il tema di oggi e ho scelto il libro che ho prestato (non ricordo neanche a chi) e che non ho più rivisto: Macbeth, il mio primo Shakespeare, letto al primo anno di università per l'esame di letteratura inglese.
. 
Ricordo poco del testo, devo dire la verità.
Di solito di un libro letto anni prima mi restano solo le emozioni.
E Macbeth mi era piaciuto tantissimo ed era sottolineatissimo.
Un giorno magari lo rileggerò o lo ricomprerò, chissà.
Ma stavolta non metterà piede fuori di casa.😅>
.
.
.
#shakespeare #macbeth #libridaleggere #librichepassione #leggerefabene #consiglidilettura #instalibri #libridaleggere #instalibro #leggerechepassione #lettori #letteratura #bookstagramitalia #librimania #libridaleggereprimadimorire #leggeresempre #recensionivelocidilibri #buonipropositi #lettura #ioleggo #amoleggere #libribelli #piccolilibri🌵 #italiainlettura #ticonsigliounlibro #ioleggoperché
#lugliodaleggere 🌻 di @ale_lovebooks, @brithefool, @abookforadream e @fallinbooks._ . G. 19: Un libro che ti hanno prestato e non hai mai restituito. . Non esiste che io non restituisca un libro in prestito, quindi ho ribaltato il tema di oggi e ho scelto il libro che ho prestato (non ricordo neanche a chi) e che non ho più rivisto: Macbeth, il mio primo Shakespeare, letto al primo anno di università per l'esame di letteratura inglese. . Ricordo poco del testo, devo dire la verità. Di solito di un libro letto anni prima mi restano solo le emozioni. E Macbeth mi era piaciuto tantissimo ed era sottolineatissimo. Un giorno magari lo rileggerò o lo ricomprerò, chissà. Ma stavolta non metterà piede fuori di casa.😅> . . . #shakespeare #macbeth #libridaleggere #librichepassione #leggerefabene #consiglidilettura #instalibri #libridaleggere #instalibro #leggerechepassione #lettori #letteratura #bookstagramitalia #librimania #libridaleggereprimadimorire #leggeresempre #recensionivelocidilibri #buonipropositi #lettura #ioleggo #amoleggere #libribelli #piccolilibri🌵 #italiainlettura #ticonsigliounlibro #ioleggoperché
➡️ #VenerdìFamoso - Nuova Recensione!⁣
⁣
📚 Il libro di oggi è Caino di José Saramago edito Feltrinelli!⁣
⁣
📖 Citazione scelta per voi: Detto ciò, il signore fece apparire un bel po' di pelli di animale per coprire le nudità di adamo ed eva, che si strizzarono l'occhio in segno di complicità, ché loro, di essere nudi, lo sapevano sin dal primo giorno, e ne avevano tratto buon profitto.⁣
⁣
✍🏻 Frammento di recensione: Lo stile di Saramago appartiene esclusivamente a lui. I nomi vengono tutti scritti con la minuscola, non importa se si parla di Dio o di Caino. Le frasi sono lunghe e intervallate da virgole che, solitamente, vengono utilizzate per segnalare i discorsi diretti che vengono indicati solamente da queste e dalla lettera maiuscola che precede ogni nuova frase.⁣
L'autore è presenta per tutta la lettura e si fa riconoscere costantemente; ci dà spiegazioni, si intromette con valutazioni personali, motiva alcune scelte.⁣
⁣
❓Qual è il libro più provocatorio che abbiate mai letto/vorreste leggere? L’avete apprezzato o no?⁣
⁣
❗️Recensione completa al link in bio!⁣
⁣
#RecensioniLQV⁣
#LeggoQuandoVoglio⁣
#recensionivelocidilibri ⁣
#recensionelibro⁣
#caino⁣
#feltrinelli⁣
#feltrinellieditore⁣
#booksquadit ⁣
#leggosocial11 ⁣
#saramago⁣
#josesaramago ⁣
#josésaramago
➡️ #VenerdìFamoso - Nuova Recensione!⁣ ⁣ 📚 Il libro di oggi è Caino di José Saramago edito Feltrinelli!⁣ ⁣ 📖 Citazione scelta per voi: Detto ciò, il signore fece apparire un bel po' di pelli di animale per coprire le nudità di adamo ed eva, che si strizzarono l'occhio in segno di complicità, ché loro, di essere nudi, lo sapevano sin dal primo giorno, e ne avevano tratto buon profitto.⁣ ⁣ ✍🏻 Frammento di recensione: Lo stile di Saramago appartiene esclusivamente a lui. I nomi vengono tutti scritti con la minuscola, non importa se si parla di Dio o di Caino. Le frasi sono lunghe e intervallate da virgole che, solitamente, vengono utilizzate per segnalare i discorsi diretti che vengono indicati solamente da queste e dalla lettera maiuscola che precede ogni nuova frase.⁣ L'autore è presenta per tutta la lettura e si fa riconoscere costantemente; ci dà spiegazioni, si intromette con valutazioni personali, motiva alcune scelte.⁣ ⁣ ❓Qual è il libro più provocatorio che abbiate mai letto/vorreste leggere? L’avete apprezzato o no?⁣ ⁣ ❗️Recensione completa al link in bio!⁣ ⁣ #RecensioniLQV⁣ #LeggoQuandoVoglio⁣ #recensionivelocidilibri#recensionelibro⁣ #caino⁣ #feltrinelli⁣ #feltrinellieditore⁣ #booksquadit#leggosocial11#saramago⁣ #josesaramago#josésaramago
Buon giorno a tutti lettori!📚
Proprio ieri sera ho terminato la lettura di "La settimana bianca" di Emmanuel Carrère, che dire, sono rimasta subito affascinata dalla scrittura dell autore, che da subito caratterizza e contraddistingue il libro. La trama del libro si presenta sotto i nostri occhi e con lo scorrere delle pagine, senza che il lettore quasi si accorga del ruolo che prende nei confronti del bambino protagonista nel corso della lettura.
Nel complesso ho trovato il libro molto interessante e in un certo senso non fine a se stesso, poiché è uno di quei libri che termina lasciando al lettore il piacere del dubbio intriseco e con una fascinazione fine a se stessa.
Sono molto contenta di aver svolto questa lettura, e non vedo l'ora di leggere altro di questo autore!🌻
.
.
«Ero solo, in una casetta in Bretagna, davanti al computer,» ha raccontato una volta Emmanuel Carrère «e a mano a mano che procedevo nella storia ero sempre più terrorizzato». All’inizio, infatti, il piccolo Nicolas ha tutta l’a­ria di un bambino normale. Anche se allo chalet in cui trascorrerà la settimana bianca ci arriva in macchina, portato dal padre, e non in pullman insieme ai compagni. E anche se, rispetto a loro, appare più chiuso, più fragile, più bisognoso di protezione. Ben presto, poi, scopriamo che le sue notti sono abitate da incubi, che di nascosto dai genitori legge un libro, dal quale è morbosamente attratto, intitolato Storie spaventose, e che, con una sorta di torbido compiacimento, insegue altre storie, partorite dalla sua fosca immaginazione: storie di assassini, di rapimenti, di orfanità. E sentiamo, con vaga ma crescente angoscia, che su di lui incombe un’oscura minaccia – quella che i suoi incubi possano, da un momento al­l’altro, assumere una forma reale, travolgendo ogni possibile difesa, condannandolo a vivere per sempre nell’in­ferno di quei mostri infantili.
Questo perturbante, stringatissimo noir è da molti considerato il romanzo più perfetto di Emmanuel Carrère – l’ultimo da lui scritto prima di scegliere una strada diversa dalla narrativa di invenzione. 
#adelphiedizioni #lasettimanabianca #emmanuelcarrere #libri #recensionivelocidilibri #foto #bookstagram
Buon giorno a tutti lettori!📚 Proprio ieri sera ho terminato la lettura di "La settimana bianca" di Emmanuel Carrère, che dire, sono rimasta subito affascinata dalla scrittura dell autore, che da subito caratterizza e contraddistingue il libro. La trama del libro si presenta sotto i nostri occhi e con lo scorrere delle pagine, senza che il lettore quasi si accorga del ruolo che prende nei confronti del bambino protagonista nel corso della lettura. Nel complesso ho trovato il libro molto interessante e in un certo senso non fine a se stesso, poiché è uno di quei libri che termina lasciando al lettore il piacere del dubbio intriseco e con una fascinazione fine a se stessa. Sono molto contenta di aver svolto questa lettura, e non vedo l'ora di leggere altro di questo autore!🌻 . . «Ero solo, in una casetta in Bretagna, davanti al computer,» ha raccontato una volta Emmanuel Carrère «e a mano a mano che procedevo nella storia ero sempre più terrorizzato». All’inizio, infatti, il piccolo Nicolas ha tutta l’a­ria di un bambino normale. Anche se allo chalet in cui trascorrerà la settimana bianca ci arriva in macchina, portato dal padre, e non in pullman insieme ai compagni. E anche se, rispetto a loro, appare più chiuso, più fragile, più bisognoso di protezione. Ben presto, poi, scopriamo che le sue notti sono abitate da incubi, che di nascosto dai genitori legge un libro, dal quale è morbosamente attratto, intitolato Storie spaventose, e che, con una sorta di torbido compiacimento, insegue altre storie, partorite dalla sua fosca immaginazione: storie di assassini, di rapimenti, di orfanità. E sentiamo, con vaga ma crescente angoscia, che su di lui incombe un’oscura minaccia – quella che i suoi incubi possano, da un momento al­l’altro, assumere una forma reale, travolgendo ogni possibile difesa, condannandolo a vivere per sempre nell’in­ferno di quei mostri infantili. Questo perturbante, stringatissimo noir è da molti considerato il romanzo più perfetto di Emmanuel Carrère – l’ultimo da lui scritto prima di scegliere una strada diversa dalla narrativa di invenzione. #adelphiedizioni #lasettimanabianca #emmanuelcarrere #libri #recensionivelocidilibri #foto #bookstagram
E’la storia di una donna Rimasta da poco vedova ; ogni giorno varca la soglia del carcere minorile in cui insegna ai giovani detenuti per lasciarsi alle spalle il proprio “vuoto” e provare a colmare il loro; un giorno conosce Almarina, una ragazza dal passato pesante con cui piano a piano costruisce un rapporto di fiducia. Ecco che i due vuoti si incontrano..carichi di speranze , aspettative e delusioni .
Personalmente l’ho trovato troppo artificioso, soprattutto nella costruzione delle frasi;la trama è interessante , ma non mi lascia quella sensazione di stupore che forse mi immaginavo. Non lo consiglierei a tutti i costi 
Su 5 stelle gliene darei 🌟 🌟 🌟 
Qualche altro libro suo da consigliarmi?
.
.
.
#leggere #leggeresempre #amoleggere #ioamoleggere #recensionivelocidilibri #recensionilibri #leggerechepassione #leggerechepassione📖 #italianbooks #italianbook #almarina #libri #bookstagram #bookstagramitalia #libridaleggere #booklover #consiglidilettura #ioleggo #librimania #bookaddict #bookaddiction #alfalibro #lettori #lettoridiinstagram #leggerefabene #passionelibri #universolibri #einaudi #einaudieditore
E’la storia di una donna Rimasta da poco vedova ; ogni giorno varca la soglia del carcere minorile in cui insegna ai giovani detenuti per lasciarsi alle spalle il proprio “vuoto” e provare a colmare il loro; un giorno conosce Almarina, una ragazza dal passato pesante con cui piano a piano costruisce un rapporto di fiducia. Ecco che i due vuoti si incontrano..carichi di speranze , aspettative e delusioni . Personalmente l’ho trovato troppo artificioso, soprattutto nella costruzione delle frasi;la trama è interessante , ma non mi lascia quella sensazione di stupore che forse mi immaginavo. Non lo consiglierei a tutti i costi Su 5 stelle gliene darei 🌟 🌟 🌟 Qualche altro libro suo da consigliarmi? . . . #leggere #leggeresempre #amoleggere #ioamoleggere #recensionivelocidilibri #recensionilibri #leggerechepassione #leggerechepassione📖 #italianbooks #italianbook #almarina #libri #bookstagram #bookstagramitalia #libridaleggere #booklover #consiglidilettura #ioleggo #librimania #bookaddict #bookaddiction #alfalibro #lettori #lettoridiinstagram #leggerefabene #passionelibri #universolibri #einaudi #einaudieditore
Buongiorno❣
Dopo un breve periodo di assenza "È reale solo se ci credi" torna il 23 luglio, inizialmente in formato e-book, presto anche in cartaceo! ☀️
Trama:
"Matilde era soltanto una bambina quando conobbe Gabriele, durante le vacanze estive trascorse a Castelsardo, una località turistica situata in Sardegna. Le piaceva stuzzicarlo e non avrebbe mai immaginato che dietro quei loro giochi si nascondessero le basi per una grande storia d’amore.
Adesso è ormai una diciassettenne e ha appena terminato la quarta superiore. Sono passati dieci anni da quando quel bambino tanto speciale le aveva rubato il cuore e, per una serie di coincidenze, i due si rincontrano nella stessa località marittima. Lei è sarda, lui pisano, così cominciano una relazione a distanza, nonostante le difficoltà.
Il romanzo è ambientato fra i luoghi più caratteristici della Sardegna e delle altre regioni e città attraversate dai personaggi: la Sicilia - terra del padre -, la stessa Pisa, Firenze e Lucca.
Matilde, però, comincia ben presto ad avere dei problemi di salute che sembrano aggravarsi sempre di più.
Il passato li ha uniti e il presente li ha fatti scoprire innamorati, ma il futuro che li attende non sembra del tutto roseo come si aspettavano.
...E se i sogni che credevi ormai avverati, in realtà fossero ancora lontani dall'essere veramente tuoi? Quanto ancora sei disposto a lottare per vedere i tuoi obiettivi finalmente realizzati?"
.
.
.
.
#book #booklover #bookblogging
#bookstagram #libridaleggere #libri 
#romance #autori #scrittori #citazioni #aforismi #èrealesolosecicredi #recensionivelocidilibri #estate #vacanze #sardegna #sicilia #toscana
Buongiorno❣ Dopo un breve periodo di assenza "È reale solo se ci credi" torna il 23 luglio, inizialmente in formato e-book, presto anche in cartaceo! ☀️ Trama: "Matilde era soltanto una bambina quando conobbe Gabriele, durante le vacanze estive trascorse a Castelsardo, una località turistica situata in Sardegna. Le piaceva stuzzicarlo e non avrebbe mai immaginato che dietro quei loro giochi si nascondessero le basi per una grande storia d’amore. Adesso è ormai una diciassettenne e ha appena terminato la quarta superiore. Sono passati dieci anni da quando quel bambino tanto speciale le aveva rubato il cuore e, per una serie di coincidenze, i due si rincontrano nella stessa località marittima. Lei è sarda, lui pisano, così cominciano una relazione a distanza, nonostante le difficoltà. Il romanzo è ambientato fra i luoghi più caratteristici della Sardegna e delle altre regioni e città attraversate dai personaggi: la Sicilia - terra del padre -, la stessa Pisa, Firenze e Lucca. Matilde, però, comincia ben presto ad avere dei problemi di salute che sembrano aggravarsi sempre di più. Il passato li ha uniti e il presente li ha fatti scoprire innamorati, ma il futuro che li attende non sembra del tutto roseo come si aspettavano. ...E se i sogni che credevi ormai avverati, in realtà fossero ancora lontani dall'essere veramente tuoi? Quanto ancora sei disposto a lottare per vedere i tuoi obiettivi finalmente realizzati?" . . . . #book #booklover #bookblogging #bookstagram #libridaleggere #libri #romance #autori #scrittori #citazioni #aforismi #èrealesolosecicredi #recensionivelocidilibri #estate #vacanze #sardegna #sicilia #toscana
Bernardo amava bucarsi le braccia di cocaina. Oddio, la chiamava così ma era uno schifo di shisha. Magari ci fosse stata cocaina vera per 5 euro a dose. Quello che era, era.a. D’inverno sprofondava sul divano lercio di casa, ma d’estate si andava a buttare sulla spiaggia. Passava la notte in giro come un balordo, si rendeva odioso pur di tare in compagnia, finché uno dopo l’altro tutti lo allontanavano, in qualche modo. E allora raggiungeva la sabbia buia, poco oltre la movida del lungomare, e si sdraiava a non capire niente, con la faccia al cielo e le ossa al salmastro.
Se ne stava lì tutta la notte, come un tronco portato dal mare. Aspettava il giorno. Quella mattina un’occhio non gli si aprì neppure. Era appiccicato non si sa da cosa. L’altro invece si. Sentì delle voci normali, in fondo. Qualcuno passava. Aveva sete. Il sole lo trafisse ed ebbe paura di morire. Sembrava un miraggio. Vedeva l’acqua del mare ma non la sentiva. Pensò che al giorno d’oggi nessuno muore più nel deserto. Giurò che l’indomani sarebbe stato dall’altra parte, quello i suoi occhi stavano guardando. Il suo occhio. Avrebbe camminato sulla riva del mare anche lui. Una persona normale. Invece domani era già morto.
Bernardo amava bucarsi le braccia di cocaina. Oddio, la chiamava così ma era uno schifo di shisha. Magari ci fosse stata cocaina vera per 5 euro a dose. Quello che era, era.a. D’inverno sprofondava sul divano lercio di casa, ma d’estate si andava a buttare sulla spiaggia. Passava la notte in giro come un balordo, si rendeva odioso pur di tare in compagnia, finché uno dopo l’altro tutti lo allontanavano, in qualche modo. E allora raggiungeva la sabbia buia, poco oltre la movida del lungomare, e si sdraiava a non capire niente, con la faccia al cielo e le ossa al salmastro. Se ne stava lì tutta la notte, come un tronco portato dal mare. Aspettava il giorno. Quella mattina un’occhio non gli si aprì neppure. Era appiccicato non si sa da cosa. L’altro invece si. Sentì delle voci normali, in fondo. Qualcuno passava. Aveva sete. Il sole lo trafisse ed ebbe paura di morire. Sembrava un miraggio. Vedeva l’acqua del mare ma non la sentiva. Pensò che al giorno d’oggi nessuno muore più nel deserto. Giurò che l’indomani sarebbe stato dall’altra parte, quello i suoi occhi stavano guardando. Il suo occhio. Avrebbe camminato sulla riva del mare anche lui. Una persona normale. Invece domani era già morto.
Ogni tanto bisogna cambiare un po’ genere e infatti oggi voglio proporre un thriller dove Sophie, una 17enne con parecchi problemi, in un continuo flashback avanti e indietro nel tempo racconta della morte della sua amica Mina, uccisa sotto i suoi occhi e indaga per capire chi sia il colpevole. Uno spaccato inquietante sulla tranquilla vita della provincia americana, una storia che entra nella testa, molto intensa, da leggere! #lontanodate #tesssharpe #fabbrieditori #leggitucheleggoanchio #leggeresempre #leggerechepassione #chebelloleggere #amoleggere #thrillerbook #recensionilibri #recensionivelocidilibri #unlibroalgiorno #sololibribelli
Ogni tanto bisogna cambiare un po’ genere e infatti oggi voglio proporre un thriller dove Sophie, una 17enne con parecchi problemi, in un continuo flashback avanti e indietro nel tempo racconta della morte della sua amica Mina, uccisa sotto i suoi occhi e indaga per capire chi sia il colpevole. Uno spaccato inquietante sulla tranquilla vita della provincia americana, una storia che entra nella testa, molto intensa, da leggere! #lontanodate #tesssharpe #fabbrieditori #leggitucheleggoanchio #leggeresempre #leggerechepassione #chebelloleggere #amoleggere #thrillerbook #recensionilibri #recensionivelocidilibri #unlibroalgiorno #sololibribelli
L'amicizia quella vera la riconosci quando, nel momento del bisogno, costruisce un ponte per avvicinarsi e no per allontanarsi. Un ponte fatto di parole di gesti, di silenzi da rispettare, ma anche di sorrisi da condividere.
Molly e Mae due bimbi protagoniste di questo bellissimo albo illustrato edito da @terredimezzo che, durante un viaggio, sperimentano il distacco e il riavvicinamento, proprio come due amiche vere proprio come spesso succede nella vita vera. 
Con questo albo illustrato pieno di affetto io e @ilbauledellestorie apriamo ufficialmente la nostra collaborazione e vi portiamo nel nostro mondo #pinkladies.
E per voi quale è l'albo illustrato che rappresenta di più l'amicizia? Raccontatecelo taggandoci nelle storie e utilizzando il nostro hastag#pinkladies 
#recensionivelocidilibri #recensioni #libridaregalare #libripercrescere #albiillustratibelli #inostrilibri#pinkladies #amicizia #ponti #illustrazioniperlinfanzia #ideeregalo #consiglidilettura #consigliolibridaleggere #maestratralefiabe #leggerepersognare #leggereinsieme
L'amicizia quella vera la riconosci quando, nel momento del bisogno, costruisce un ponte per avvicinarsi e no per allontanarsi. Un ponte fatto di parole di gesti, di silenzi da rispettare, ma anche di sorrisi da condividere. Molly e Mae due bimbi protagoniste di questo bellissimo albo illustrato edito da @terredimezzo che, durante un viaggio, sperimentano il distacco e il riavvicinamento, proprio come due amiche vere proprio come spesso succede nella vita vera. Con questo albo illustrato pieno di affetto io e @ilbauledellestorie apriamo ufficialmente la nostra collaborazione e vi portiamo nel nostro mondo #pinkladies. E per voi quale è l'albo illustrato che rappresenta di più l'amicizia? Raccontatecelo taggandoci nelle storie e utilizzando il nostro hastag#pinkladies #recensionivelocidilibri #recensioni #libridaregalare #libripercrescere #albiillustratibelli #inostrilibri#pinkladies #amicizia #ponti #illustrazioniperlinfanzia #ideeregalo #consiglidilettura #consigliolibridaleggere #maestratralefiabe #leggerepersognare #leggereinsieme
Nella tradizione irlandese, la banshee è la più potente delle fate, la signora delle magie e delle meraviglie, quella contro i cui poteri nessuno può lottare.

Banshee è una piccola fata bambina, splendida nel suo abito d’oro, ma arrabbiata, tremendamente arrabbiata. Pagina dopo pagina la sua ira si gonfia e cresce a dismisura manifestandosi in atti concreti e magici: Banshee cammina sull’erba e il suolo prende fuoco, Banshee solleva una mano e non vi è alcuna pietà per i neri scogli scaraventati nel cielo, nè per le onde dell’oceano costrette a gonfiarsi, nè per i pesci, nè per gli uccelli, nè per i marinai. Tutto il creato appare stravolto, assoggettato alla collera della fata. 
All’improvviso, però, arriva la mamma. E’ una mamma serena che non si scompone per le reazioni di Banshee, sa perché Banshee è arrabbiata e le porge una soluzione, dicendole affettuosamente che probabilmente ha esagerato. 
Il mondo della furia di Banshee è un mondo interiore, fantasioso, bambino, tratteggiato con cura e rispetto dallo scrittore francese Jean-Francois Chabas. 
Una meraviglia per gli occhi, queste illustrazioni dense che riempiono la doppia pagina, per le illustrazioni di David Sala.

Un albo che affronta il tema della rabbia dei bambini, attraverso la metafora, con il giusto rispetto.
E’ normale che i bambini si infurino, è sano che sfoghino la rabbia, è utile reagire alla rabbia dei bambini con serenità.

@galluccieditore @davidsala.illustration  @

#favolareaifavolosi
#lorenzalegge

#libri #love 
#story #leggere 
#citazioni #poesia 
#instabook #bookstragram
#bookish #librimania
#albiillustrati #albiillustratiperbambini 
#libriperbambini #ioleggo 
#libridaleggere #recensionivelocidilibri 
#librichepassione #bambini

#piccolilettori #irlanda #banshee #fate #magia
Nella tradizione irlandese, la banshee è la più potente delle fate, la signora delle magie e delle meraviglie, quella contro i cui poteri nessuno può lottare. Banshee è una piccola fata bambina, splendida nel suo abito d’oro, ma arrabbiata, tremendamente arrabbiata. Pagina dopo pagina la sua ira si gonfia e cresce a dismisura manifestandosi in atti concreti e magici: Banshee cammina sull’erba e il suolo prende fuoco, Banshee solleva una mano e non vi è alcuna pietà per i neri scogli scaraventati nel cielo, nè per le onde dell’oceano costrette a gonfiarsi, nè per i pesci, nè per gli uccelli, nè per i marinai. Tutto il creato appare stravolto, assoggettato alla collera della fata. All’improvviso, però, arriva la mamma. E’ una mamma serena che non si scompone per le reazioni di Banshee, sa perché Banshee è arrabbiata e le porge una soluzione, dicendole affettuosamente che probabilmente ha esagerato. Il mondo della furia di Banshee è un mondo interiore, fantasioso, bambino, tratteggiato con cura e rispetto dallo scrittore francese Jean-Francois Chabas. Una meraviglia per gli occhi, queste illustrazioni dense che riempiono la doppia pagina, per le illustrazioni di David Sala. Un albo che affronta il tema della rabbia dei bambini, attraverso la metafora, con il giusto rispetto. E’ normale che i bambini si infurino, è sano che sfoghino la rabbia, è utile reagire alla rabbia dei bambini con serenità. @galluccieditore @davidsala.illustration @ #favolareaifavolosi #lorenzalegge #libri #love #story #leggere #citazioni #poesia #instabook #bookstragram #bookish #librimania #albiillustrati #albiillustratiperbambini #libriperbambini #ioleggo #libridaleggere #recensionivelocidilibri #librichepassione #bambini #piccolilettori #irlanda #banshee #fate #magia
La storia dello pseudonimo Damiano Malabaila, con cui #primolevi firmò la prima edizione delle Storie Naturali: i timori dell'Einaudi nell'abbinare a un Testimone la sua produzione cosiddetta fantascientifica, l'assenza di scrupoli nel negare nuovamente il nome a un sopravvissuto ai campi, le difficoltà dello scrittore nel farsi riconoscere come tale nell'ambiente letterario dell'epoca. L'immagine mitizzata dei protagonisti di quest'ultimo esce certamente ridimensionata da questa appassionante indagine su un episodio cruciale nella #biografia del chimico torinese, nel centenario della nascita. #torino #turin #libro #libri #leggere #libridaleggere #librichepassione #leggerechepassione #bookstagram #booksofinstagram #bookadvisor #recensionilibri #recensionivelocidilibri #consiglidilettura @neripozza
La storia dello pseudonimo Damiano Malabaila, con cui #primolevi firmò la prima edizione delle Storie Naturali: i timori dell'Einaudi nell'abbinare a un Testimone la sua produzione cosiddetta fantascientifica, l'assenza di scrupoli nel negare nuovamente il nome a un sopravvissuto ai campi, le difficoltà dello scrittore nel farsi riconoscere come tale nell'ambiente letterario dell'epoca. L'immagine mitizzata dei protagonisti di quest'ultimo esce certamente ridimensionata da questa appassionante indagine su un episodio cruciale nella #biografia del chimico torinese, nel centenario della nascita. #torino #turin #libro #libri #leggere #libridaleggere #librichepassione #leggerechepassione #bookstagram #booksofinstagram #bookadvisor #recensionilibri #recensionivelocidilibri #consiglidilettura @neripozza
"(...) l'amore e l'amicizia non invecchiano mai (...)" -da: ''L' amante giapponese, Isabel Allende-
Un romanzo bellissimo a parer mio. Narra la storia d'amore tra la giovane Alma Belasco e il giardiniere giapponese Ichimei Fukuda durata dalla Seconda Guerra Mondiale fino ai nostri giorni.
*Voglio sapere voi cosa pensate perciò commentate!
* 👉Vi ricordo di seguirmi per altre recensioni!👈 #lettorisinasce #lettoridiinstagram #librielettori #lafeltrinelli #ioamoleggerelibri #consigliperlalettura #recensionivelocidilibri
"(...) l'amore e l'amicizia non invecchiano mai (...)" -da: ''L' amante giapponese, Isabel Allende- Un romanzo bellissimo a parer mio. Narra la storia d'amore tra la giovane Alma Belasco e il giardiniere giapponese Ichimei Fukuda durata dalla Seconda Guerra Mondiale fino ai nostri giorni. *Voglio sapere voi cosa pensate perciò commentate! * 👉Vi ricordo di seguirmi per altre recensioni!👈 #lettorisinasce #lettoridiinstagram #librielettori #lafeltrinelli #ioamoleggerelibri #consigliperlalettura #recensionivelocidilibri
Murakami è uno dei miei autori preferiti. Nelle sue opere sogno e realtà si mescolano in maniera così profonda che spesso non si distingue la linea di confine dei due mondi. Questa è una delle peculiarità che più mi piace dei romanzi di Murakami. Nonostante ciò, però, quello che non mi ha convinto in questo libro sono state le lunghe digressioni, spesso inutili, che l’autore compie, rendendo la narrazione, a tratti, pesante e noiosa. Comunque tutto sommato l’uccello che girava le viti del mondo è un buon romanzo, anche se non il migliore dell’ autore nipponico. 🖌🖌🖌/5  #instabook #book #bookstagram #books #booklover #bookporn #bookblogging #libromania #recensionivelocidilibri #libridaleggere #harukimurakami #luccellochegiravalevitidelmondo #einaudi #einaudisuperet
Murakami è uno dei miei autori preferiti. Nelle sue opere sogno e realtà si mescolano in maniera così profonda che spesso non si distingue la linea di confine dei due mondi. Questa è una delle peculiarità che più mi piace dei romanzi di Murakami. Nonostante ciò, però, quello che non mi ha convinto in questo libro sono state le lunghe digressioni, spesso inutili, che l’autore compie, rendendo la narrazione, a tratti, pesante e noiosa. Comunque tutto sommato l’uccello che girava le viti del mondo è un buon romanzo, anche se non il migliore dell’ autore nipponico. 🖌🖌🖌/5 #instabook #book #bookstagram #books #booklover #bookporn #bookblogging #libromania #recensionivelocidilibri #libridaleggere #harukimurakami #luccellochegiravalevitidelmondo #einaudi #einaudisuperet
BILANCIA DELLE MIE BRAME....L’ossessione contemporanea per una forma fisica impeccabile è ormai diventata la linea di demarcazione tra una vita serena e una fatta di complessi, sensi di inferiorità e frustrazioni infinite.
Il nostro orizzonte, sereno o in tempesta, dipende da questa semplice ma ormai imprescindibile scelta. 
Se gli uomini amino le donne filiformi ma poi in realtà sposino quelle in carne è un teorema ancora tutto da dimostrare.
Fatto sta che noi donne moderne sembra ce l’abbiamo sempre in quel posto: come se non bastasse, anche il must dello stare in forma si è aggiunto alla lista dei doveri  sempre più numerosi, assieme al lavoro e al menage familiare.
Essere vere o non essere affatto, vivere serenamente rotonde o diventare trasparenti come il manico di una scopa in nome di un Eden mediatico?È il nuovo dilemma, spropositatamente ingrandito dal giudizio impietoso dei social  network che non perdonano scivoloni.
Le aggiustatine sono ormai all’ordine del giorno, tra una chirurgia estetica per pochi e un Fotoshop per tutti, a ciascuno il suo ritocco.
Ma se hai la sfortuna di nascere in un corpo di sirena dotato di uno stomaco da balena, i problemi saranno infiniti.
Perché allora il Sommo Creatore del Metabolismo, con sadismo cieco e imperscrutabilmente arbitrario, si sarà preso gioco di te. (Continua:www.mamma-holic.com) @selvaggialucarelli @rizzolilibri #cucinedaincubo #diete #bridgetjones #curvy #curvygirl #recensionilibri #recensionivelocidilibri #recensioni #libriestate #libriestate2019 #libridivertenti #iononcisto #dieta #amomangiare #cibo #ciboitaliano #ciboitalia #linea #fitness #fitnessgirl #bilancia @silvia_alonso_writer @silvia_aonzo #mammaholicmonaco
BILANCIA DELLE MIE BRAME....L’ossessione contemporanea per una forma fisica impeccabile è ormai diventata la linea di demarcazione tra una vita serena e una fatta di complessi, sensi di inferiorità e frustrazioni infinite. Il nostro orizzonte, sereno o in tempesta, dipende da questa semplice ma ormai imprescindibile scelta. Se gli uomini amino le donne filiformi ma poi in realtà sposino quelle in carne è un teorema ancora tutto da dimostrare. Fatto sta che noi donne moderne sembra ce l’abbiamo sempre in quel posto: come se non bastasse, anche il must dello stare in forma si è aggiunto alla lista dei doveri sempre più numerosi, assieme al lavoro e al menage familiare. Essere vere o non essere affatto, vivere serenamente rotonde o diventare trasparenti come il manico di una scopa in nome di un Eden mediatico?È il nuovo dilemma, spropositatamente ingrandito dal giudizio impietoso dei social network che non perdonano scivoloni. Le aggiustatine sono ormai all’ordine del giorno, tra una chirurgia estetica per pochi e un Fotoshop per tutti, a ciascuno il suo ritocco. Ma se hai la sfortuna di nascere in un corpo di sirena dotato di uno stomaco da balena, i problemi saranno infiniti. Perché allora il Sommo Creatore del Metabolismo, con sadismo cieco e imperscrutabilmente arbitrario, si sarà preso gioco di te. (Continua:www.mamma-holic.com) @selvaggialucarelli @rizzolilibri #cucinedaincubo #diete #bridgetjones #curvy #curvygirl #recensionilibri #recensionivelocidilibri #recensioni #libriestate #libriestate2019 #libridivertenti #iononcisto #dieta #amomangiare #cibo #ciboitaliano #ciboitalia #linea #fitness #fitnessgirl #bilancia @silvia_alonso_writer @silvia_aonzo #mammaholicmonaco
Faustino era ormai sordo come una campana, ma il giramento di coglioni ero lo stesso di quando ci sentiva bene. Se poi parliamo del suo anniversario, apriti cielo. Cinquant’anni con Ada. Che palle. Non che palle Ada, che palle la ricorrenza, le moine, i brindisi, i figli che se ne fregavano e i nipoti che facevano solo casino. L’aggeggio dell’Amplifon era scarico, e anche quando funzionava non si sentiva un cazzo, o comunque gli dava fastidio, ma il casino lo percepiva lo stesso. Quando il pranzo finì e i figli se ne andarono, i due coniugi rimasero di nuovo soli nel silenzio delle loro collezioni di tazzine e bamboline. Se ne stavano sul divano giallo chiaro a fiori viola, aspettando che l’altro accendesse la TV e mettesse sul 4. Poi Ada gesticolando disse al marito di mettersi l’aggeggio nell’orecchio. Lui sbuffò ma eseguì. “Siamo vecchi!”, disse la donna. “Lo vedo” rispose  Faustino, guardandola. La donna non se ne offese e proseguì. “Vorrei fare una cosa prima di morire”. “Cosa?”, ribatté l’altro. “Una rapina”. Ci fu una pausa. Faustino pensava, poi chiese: “una rapina? Una rapina dove?”. “Al supermercato”, rispose Ada. L’uomo la guardava storto. Lei continuò: “non abbiamo mai fatto il viaggio di nozze. Voglio il mio viaggio di nozze”. Faustino sospirò. Osservò le pareti che lo circondavano, poi il lampadario di ottone, i fiori viola del divano. Tutte quelle cose immobili. Anche il tempo era immobile, eppure scorreva veloce. “Che fiori sono questi?” chiese lisciando il divano. “Sono iris” rispose la moglie. “Iris… ma la pistola?”, chiese l’uomo. “Ma quale pistola”, rispose la moglie, “c’ho il coltello da carne che ho preso con i bollini. Se quella stronza della cassiera nuova prova a dire qualcosa glielo pianto in gola”. Ada rise eccitata all’idea di ammazzare una ragazza e così fu deciso. L’abbraccio che seguì fu il più tenero e intimo che si fossero mai scambiati.
Faustino era ormai sordo come una campana, ma il giramento di coglioni ero lo stesso di quando ci sentiva bene. Se poi parliamo del suo anniversario, apriti cielo. Cinquant’anni con Ada. Che palle. Non che palle Ada, che palle la ricorrenza, le moine, i brindisi, i figli che se ne fregavano e i nipoti che facevano solo casino. L’aggeggio dell’Amplifon era scarico, e anche quando funzionava non si sentiva un cazzo, o comunque gli dava fastidio, ma il casino lo percepiva lo stesso. Quando il pranzo finì e i figli se ne andarono, i due coniugi rimasero di nuovo soli nel silenzio delle loro collezioni di tazzine e bamboline. Se ne stavano sul divano giallo chiaro a fiori viola, aspettando che l’altro accendesse la TV e mettesse sul 4. Poi Ada gesticolando disse al marito di mettersi l’aggeggio nell’orecchio. Lui sbuffò ma eseguì. “Siamo vecchi!”, disse la donna. “Lo vedo” rispose Faustino, guardandola. La donna non se ne offese e proseguì. “Vorrei fare una cosa prima di morire”. “Cosa?”, ribatté l’altro. “Una rapina”. Ci fu una pausa. Faustino pensava, poi chiese: “una rapina? Una rapina dove?”. “Al supermercato”, rispose Ada. L’uomo la guardava storto. Lei continuò: “non abbiamo mai fatto il viaggio di nozze. Voglio il mio viaggio di nozze”. Faustino sospirò. Osservò le pareti che lo circondavano, poi il lampadario di ottone, i fiori viola del divano. Tutte quelle cose immobili. Anche il tempo era immobile, eppure scorreva veloce. “Che fiori sono questi?” chiese lisciando il divano. “Sono iris” rispose la moglie. “Iris… ma la pistola?”, chiese l’uomo. “Ma quale pistola”, rispose la moglie, “c’ho il coltello da carne che ho preso con i bollini. Se quella stronza della cassiera nuova prova a dire qualcosa glielo pianto in gola”. Ada rise eccitata all’idea di ammazzare una ragazza e così fu deciso. L’abbraccio che seguì fu il più tenero e intimo che si fossero mai scambiati.
Ci sono tanti ricordi di cui non sono sicuro. Tante cose che ho detto. Le lascio lì a fare colore, perché ho paura che togliendole dalla mia vita poi ci rimanga ben poco. Un giorno da ragazzino sentii qualcuno dire che sono un cazzaro, uno che spara cazzate. L’idea mi piacque. Potevo far succedere quello che mi pareva. Una volta mi portai a letto una ragazza molto bella dicendole che ero il batterista di Tiziano Ferro. Tanto nessuno ha mai fatto caso a che faccia abbia. Il lavoro mi va sempre bene, sto per cambiare auto e sarà una BMW, ho vissuto 3 anni in giro per il mondo, ho fatto due volte il cammino di Santiago, so surfare e sono maestro di Tae Kwon Do. Sono anche cugino della D’Urso. Non so bene perché lei, non vedo molta televisione. Questa è la mia vita. Tutte cazzate. Bellissime. Vado alla grande. Ma quando torno a casa la sera ho un problemino. Anche la mia casa è un cazzata. In campagna, poco fuori città, silenziosa, antica. La conosco bene ormai, so com’è fatta. C’è un grande pino a tenere ombra sul piazzale antistante. Il suono degli uccelli: merli, tortore, chiurli, passeri, una civetta ogni tanto. Le stelle poi. Nel cielo buio sono milioni. Da togliere il fiato. Casa mia, nella mia testa. Ultimamente faccio fatica a ricordarmi esattamente dove sono le cose. Le scale per andare di sopra, in particolare, non sempre riesco a visualizzarle e a volte inciampo. Era anche la casa di mia madre. Quanti ricordi. La foto sbiadita della bisnonna dovrei spostarla dove si vede meglio. Ecco, ora però inizio a fare fatica nel ricordare tutti i dettagli e quelli che si aggiungono: nuove cazzate che a volte mi viene da mettere dentro. L’altro giorno sono andato all’Ikea (cazzata), è stata una giornata bellissima, ma ho comprato un sacco di roba e devo ancora finire di sistemarla. E quindi qual è la verità? La verità è cammino ogni sera in un piazzale deserto, con gli occhi chiusi. Ma la casa che ho in testa è il mio vero posto. La vedo svanire e non voglio lasciarla. Sono confuso. Ho bisogno di riordinare le idee. Magari sento se mia cugina Barbara può ospitarmi per qualche giorno.
Ci sono tanti ricordi di cui non sono sicuro. Tante cose che ho detto. Le lascio lì a fare colore, perché ho paura che togliendole dalla mia vita poi ci rimanga ben poco. Un giorno da ragazzino sentii qualcuno dire che sono un cazzaro, uno che spara cazzate. L’idea mi piacque. Potevo far succedere quello che mi pareva. Una volta mi portai a letto una ragazza molto bella dicendole che ero il batterista di Tiziano Ferro. Tanto nessuno ha mai fatto caso a che faccia abbia. Il lavoro mi va sempre bene, sto per cambiare auto e sarà una BMW, ho vissuto 3 anni in giro per il mondo, ho fatto due volte il cammino di Santiago, so surfare e sono maestro di Tae Kwon Do. Sono anche cugino della D’Urso. Non so bene perché lei, non vedo molta televisione. Questa è la mia vita. Tutte cazzate. Bellissime. Vado alla grande. Ma quando torno a casa la sera ho un problemino. Anche la mia casa è un cazzata. In campagna, poco fuori città, silenziosa, antica. La conosco bene ormai, so com’è fatta. C’è un grande pino a tenere ombra sul piazzale antistante. Il suono degli uccelli: merli, tortore, chiurli, passeri, una civetta ogni tanto. Le stelle poi. Nel cielo buio sono milioni. Da togliere il fiato. Casa mia, nella mia testa. Ultimamente faccio fatica a ricordarmi esattamente dove sono le cose. Le scale per andare di sopra, in particolare, non sempre riesco a visualizzarle e a volte inciampo. Era anche la casa di mia madre. Quanti ricordi. La foto sbiadita della bisnonna dovrei spostarla dove si vede meglio. Ecco, ora però inizio a fare fatica nel ricordare tutti i dettagli e quelli che si aggiungono: nuove cazzate che a volte mi viene da mettere dentro. L’altro giorno sono andato all’Ikea (cazzata), è stata una giornata bellissima, ma ho comprato un sacco di roba e devo ancora finire di sistemarla. E quindi qual è la verità? La verità è cammino ogni sera in un piazzale deserto, con gli occhi chiusi. Ma la casa che ho in testa è il mio vero posto. La vedo svanire e non voglio lasciarla. Sono confuso. Ho bisogno di riordinare le idee. Magari sento se mia cugina Barbara può ospitarmi per qualche giorno.
Fatta a pezzi e buttata in un cassonetto. Se me lo avessero detto non ci avrei creduto. Neanche nei film americani. E invece in Italia, in un posto tranquillo. È una cosa che succede alle puttane, semmai. Non alle contabili. Ma poi per cosa? Io non l’ho mica capito perché mi hai fatto questo. Sembrava andasse tutto bene. Sabato mi hai portata a mangiare fuori, in quel bel ristorantino dove si spende anche parecchio. Hai pagato te. Mi guardavi come quando eravamo ragazzini. Oddio, non proprio, ma quasi. Insomma, alla nostra età che vuoi pretendere? Io mi sono sempre accontentata, ti ho rispettato, ti ho stirato. Ma finire a pezzi no, eh! Questo non lo accetto. Non te la cavi chiedendo scusa. Se ti dava fastidio la mia presenza potevi dirmelo. Ma forse non sarebbe cambiato niente. Io mica ti avrei lasciato. Ah, no di certo. Non puoi mica liberarti di me solo per avere più spazio sul divano. E dove vado alla mia età? Una vita a stirarti i panni per poi togliere il disturbo? Non ti piaccio più? Troppo comodo! Ti sarebbe piaciuto che me ne fossi andata. Ma non funziona così. Hai dovuto farmi a pezzi, ti sta bene. E ora ti beccheranno perché tanto sei un coglione e avrai lasciato qualche traccia. Il primo Montalbano che passa ti becca e ti butta in galera a marcire. Io marcisco qui, e te in galera. Bella chiappa. Sei sempre stato un coglione. E un fallito. Per un po’ ci ho creduto che fossi un uomo come si deve, ma poi, passata l’euforia della giovinezza, ti ho visto per quello che sei. Un ometto da tre soldi. Dove pensi di andare senza di me? Al bar? A giocare alle macchinette? A perdere tempo? Con qualche donnetta? Sei un buono a nulla, ecco cosa sei. E ora sei anche cattivo… Che dispiacere… ma perché? Guarda cosa hai combinato. Non so neanche cosa fare adesso. È tutto un casino qui.
Che poi mi chiedo: perché nel bidone della carta? Non vado nell’indifferenziata?
Fatta a pezzi e buttata in un cassonetto. Se me lo avessero detto non ci avrei creduto. Neanche nei film americani. E invece in Italia, in un posto tranquillo. È una cosa che succede alle puttane, semmai. Non alle contabili. Ma poi per cosa? Io non l’ho mica capito perché mi hai fatto questo. Sembrava andasse tutto bene. Sabato mi hai portata a mangiare fuori, in quel bel ristorantino dove si spende anche parecchio. Hai pagato te. Mi guardavi come quando eravamo ragazzini. Oddio, non proprio, ma quasi. Insomma, alla nostra età che vuoi pretendere? Io mi sono sempre accontentata, ti ho rispettato, ti ho stirato. Ma finire a pezzi no, eh! Questo non lo accetto. Non te la cavi chiedendo scusa. Se ti dava fastidio la mia presenza potevi dirmelo. Ma forse non sarebbe cambiato niente. Io mica ti avrei lasciato. Ah, no di certo. Non puoi mica liberarti di me solo per avere più spazio sul divano. E dove vado alla mia età? Una vita a stirarti i panni per poi togliere il disturbo? Non ti piaccio più? Troppo comodo! Ti sarebbe piaciuto che me ne fossi andata. Ma non funziona così. Hai dovuto farmi a pezzi, ti sta bene. E ora ti beccheranno perché tanto sei un coglione e avrai lasciato qualche traccia. Il primo Montalbano che passa ti becca e ti butta in galera a marcire. Io marcisco qui, e te in galera. Bella chiappa. Sei sempre stato un coglione. E un fallito. Per un po’ ci ho creduto che fossi un uomo come si deve, ma poi, passata l’euforia della giovinezza, ti ho visto per quello che sei. Un ometto da tre soldi. Dove pensi di andare senza di me? Al bar? A giocare alle macchinette? A perdere tempo? Con qualche donnetta? Sei un buono a nulla, ecco cosa sei. E ora sei anche cattivo… Che dispiacere… ma perché? Guarda cosa hai combinato. Non so neanche cosa fare adesso. È tutto un casino qui. Che poi mi chiedo: perché nel bidone della carta? Non vado nell’indifferenziata?
Gli uomini a volte hanno dei déjà vu. Secondo qualcuno sono squarci nella memoria di una vita passata. Beh, anche gli animali ce li hanno. Quel giorno, il geco, guardando dalla finestra della cucina, vide una famiglia sorridente, a tavola. Il padre rimproverò il figlio per aver versato un bicchiere d’acqua ma poi fece una faccia buffa e tutti scoppiarono a ridere. Quel modo di cambiare umore, così amorevole e leggero, ricordò all’animaletto, lì, appiccicato al vetro, una scena che gli era capitata, tanto tempo prima. Durò un lampo. Lo stesso che trafisse il padre. L’uomo non se l’aspettava quella vampata di malinconia, così, dal nulla. Sembrava una musica del passato quando la riconosci, e ti turba e ti accoglie. Si voltò verso la finestra, come chiamato. Si alzò, si avvicinò. Notò l’animaletto. Lo fissò nei suoi occhietti. Lo riconobbe. Sorrise. “Piccolino”, sussurrò. Un bicchiere di tenerezza gli si rovesciò nel cuore.
Gli uomini a volte hanno dei déjà vu. Secondo qualcuno sono squarci nella memoria di una vita passata. Beh, anche gli animali ce li hanno. Quel giorno, il geco, guardando dalla finestra della cucina, vide una famiglia sorridente, a tavola. Il padre rimproverò il figlio per aver versato un bicchiere d’acqua ma poi fece una faccia buffa e tutti scoppiarono a ridere. Quel modo di cambiare umore, così amorevole e leggero, ricordò all’animaletto, lì, appiccicato al vetro, una scena che gli era capitata, tanto tempo prima. Durò un lampo. Lo stesso che trafisse il padre. L’uomo non se l’aspettava quella vampata di malinconia, così, dal nulla. Sembrava una musica del passato quando la riconosci, e ti turba e ti accoglie. Si voltò verso la finestra, come chiamato. Si alzò, si avvicinò. Notò l’animaletto. Lo fissò nei suoi occhietti. Lo riconobbe. Sorrise. “Piccolino”, sussurrò. Un bicchiere di tenerezza gli si rovesciò nel cuore.
Ve lo dico io come è andata: è nata prima la fottuta gallina. Uccellaccio. Anzi, non sei neanche un uccello, non lo sai cosa sei. Un pollo che non cammina né vola. Ma sei nata prima tu, te lo concedo. Io sono solo uscito dal tuo culo lercio. Incrostato di merda e di piscio, dalla tua cloaca. Io così perfetto. Come una cellula. Anziché nascere spontaneo come un pianeta, ho avuto bisogno delle tue budella. Come un archetipo immortale. Come una forma elementare, un frattale. Io che racchiudo e proteggo la vita. Ma sei nata prima tu. Che tristezza infinita. Con quelle zampe da rettile e lo sguardo vacuo. Cazzo, non riesci nemmeno a volare, e se ti tirano il collo ti ostini a girare intorno come in una giostra impazzita a cui hanno tolto la vita. Non hai coscienza. Eppure hai il dono di creare me: l’essenza. Io che comprendo ogni cosa. Io che sono la resurrezione, la vita eterna, il principio divino. Io che quando uso una parola essa significa esattamente ciò che voglio che significhi. E quindi adesso ve lo dico io come è andata, ed è proprio quello che voglio dire, ma non chiedetemi perché: è nata prima la gallina. Rilassiamoci tutti, stiamo tranquilli, pensiamo a divertirci. Che stando così la faccenda, allora vale tutto, e un ordine nelle cose alla fine non c’è.
Ve lo dico io come è andata: è nata prima la fottuta gallina. Uccellaccio. Anzi, non sei neanche un uccello, non lo sai cosa sei. Un pollo che non cammina né vola. Ma sei nata prima tu, te lo concedo. Io sono solo uscito dal tuo culo lercio. Incrostato di merda e di piscio, dalla tua cloaca. Io così perfetto. Come una cellula. Anziché nascere spontaneo come un pianeta, ho avuto bisogno delle tue budella. Come un archetipo immortale. Come una forma elementare, un frattale. Io che racchiudo e proteggo la vita. Ma sei nata prima tu. Che tristezza infinita. Con quelle zampe da rettile e lo sguardo vacuo. Cazzo, non riesci nemmeno a volare, e se ti tirano il collo ti ostini a girare intorno come in una giostra impazzita a cui hanno tolto la vita. Non hai coscienza. Eppure hai il dono di creare me: l’essenza. Io che comprendo ogni cosa. Io che sono la resurrezione, la vita eterna, il principio divino. Io che quando uso una parola essa significa esattamente ciò che voglio che significhi. E quindi adesso ve lo dico io come è andata, ed è proprio quello che voglio dire, ma non chiedetemi perché: è nata prima la gallina. Rilassiamoci tutti, stiamo tranquilli, pensiamo a divertirci. Che stando così la faccenda, allora vale tutto, e un ordine nelle cose alla fine non c’è.
La signora Marisa si frega le macchine. Lo fa di giorno, alla luce del sole. Le piace quando il sole si riflette sulle lamiere e le acceca gli occhi e la fa sudare. La signora Marisa frega solo pande. Lo fa con rabbia e chiazze di sudore.
Le importa un cazzo se la prendono. Sarebbe così facile coglierla sul fatto, eppure nessuno lo fa. Mentre scassina la portiera, a volte inveisce: “andiamo vecchia troia, apriti e non rompermi i coglioni”. Bestemmia senza briglia. E quando riesce ad aprirla esulta sempre allo stesso modo: “oh, apriti sesamo, eccheccazzo!”. Lo fa ad alta voce e la gente pensa che è una poveretta che non riesce e trovare il verso di aprire la sua macchina scarcassata. E invece la signora Marisa sta facendo poesia. Si frega le pande, quelle vecchie, e poi le abbandona. Le fa affondare nella campagna, le seppellisce in strade remote che sembrano fuori dal mondo. A volte gli da fuoco. E torna a casa a piedi, esausta, tutta sporca. Si spoglia, si versa un bicchiere di sanbuca e si abbandona sul divano. Lancia un’occhiata alla foto del suo Osvaldo, sempre elegante. Nella foto, quel giorno maledetto lui era così fiero. Fu la loro ultima scopata. Ed eccolo lì, appoggiato alla Panda bordò, nuova fiammante. Poi la signora Marisa accende la tv e si rilassa. Ma ultimamente le Pande scarseggiano, e questo è un problema.
La signora Marisa si frega le macchine. Lo fa di giorno, alla luce del sole. Le piace quando il sole si riflette sulle lamiere e le acceca gli occhi e la fa sudare. La signora Marisa frega solo pande. Lo fa con rabbia e chiazze di sudore. Le importa un cazzo se la prendono. Sarebbe così facile coglierla sul fatto, eppure nessuno lo fa. Mentre scassina la portiera, a volte inveisce: “andiamo vecchia troia, apriti e non rompermi i coglioni”. Bestemmia senza briglia. E quando riesce ad aprirla esulta sempre allo stesso modo: “oh, apriti sesamo, eccheccazzo!”. Lo fa ad alta voce e la gente pensa che è una poveretta che non riesce e trovare il verso di aprire la sua macchina scarcassata. E invece la signora Marisa sta facendo poesia. Si frega le pande, quelle vecchie, e poi le abbandona. Le fa affondare nella campagna, le seppellisce in strade remote che sembrano fuori dal mondo. A volte gli da fuoco. E torna a casa a piedi, esausta, tutta sporca. Si spoglia, si versa un bicchiere di sanbuca e si abbandona sul divano. Lancia un’occhiata alla foto del suo Osvaldo, sempre elegante. Nella foto, quel giorno maledetto lui era così fiero. Fu la loro ultima scopata. Ed eccolo lì, appoggiato alla Panda bordò, nuova fiammante. Poi la signora Marisa accende la tv e si rilassa. Ma ultimamente le Pande scarseggiano, e questo è un problema.
Nel bosco a fotografare gli occhi degli animali notturni. Che idea del cazzo. Non che fosse la foresta nera, era un boschetto per i funghi e le coppiette. Ma la notte è notte e gli alberi di notte respirano la luna e buttano fuori chissà quale mistero. E una strega può capitare. La sfortuna volle che Gionny incontrasse una di quelle cattive. Mamma mia. All’inizio non capì neanche che cavolo fosse. “Chi sei, oh?” gridò attraverso il buio. La luce del cellulare non illuminava una sega. “Oh!” ripetè con il sangue gelato vedendo quella figura esile muoversi per sfuggire alla luce. Voleva sposarselo. Porca puttana, se ne accorse che quella merda lì nel bosco era cattiva. Quando una strega ti punta senti il freddo della morte. Non era ancora successo niente ma Gionny già piangeva. Non aveva ancora visto niente, ma già sapeva che non c’era nulla da fare. E quel suono. Quel suono sembravano denti che sbattono velocemente ed ossicini che scricchiolano e un gorgoglio inumano. E poi ci fu un “crack”. Gionny non sentì dolore: Gionny diventò dolore.
Lui non ci capì niente, ma io che osservavo dall’alto vidi quella creatura sfondargli le ossa della schiena ed entrargli dentro come si fa con un sacco a pelo. Si fece strada scavando e buttando fuori organi e tessuti. E se lo prese. Per succhiarselo bene dall’interno. Quando una strega ti sposa è così.
Nel bosco a fotografare gli occhi degli animali notturni. Che idea del cazzo. Non che fosse la foresta nera, era un boschetto per i funghi e le coppiette. Ma la notte è notte e gli alberi di notte respirano la luna e buttano fuori chissà quale mistero. E una strega può capitare. La sfortuna volle che Gionny incontrasse una di quelle cattive. Mamma mia. All’inizio non capì neanche che cavolo fosse. “Chi sei, oh?” gridò attraverso il buio. La luce del cellulare non illuminava una sega. “Oh!” ripetè con il sangue gelato vedendo quella figura esile muoversi per sfuggire alla luce. Voleva sposarselo. Porca puttana, se ne accorse che quella merda lì nel bosco era cattiva. Quando una strega ti punta senti il freddo della morte. Non era ancora successo niente ma Gionny già piangeva. Non aveva ancora visto niente, ma già sapeva che non c’era nulla da fare. E quel suono. Quel suono sembravano denti che sbattono velocemente ed ossicini che scricchiolano e un gorgoglio inumano. E poi ci fu un “crack”. Gionny non sentì dolore: Gionny diventò dolore. Lui non ci capì niente, ma io che osservavo dall’alto vidi quella creatura sfondargli le ossa della schiena ed entrargli dentro come si fa con un sacco a pelo. Si fece strada scavando e buttando fuori organi e tessuti. E se lo prese. Per succhiarselo bene dall’interno. Quando una strega ti sposa è così.
L’amore per gli asini se lo portava dietro dal presepe. Da bambina, era l’unica cosa che suo padre aveva tempo di fare con lei. Babbo Natale e i regali non le importavano. Ogni anno aspettava il presepe. “L’asinello lo metti tu”, le diceva lui con dolcezza. Lei lo andava a incastrare nella capanna, con le zampe nel muschio fresco, guadagnandosi una carezza sulla testa. Durava pochissimo, ma era il suo Natale. Andò così fino ai 10 anni. Un giorno il padre uscendo di casa disse alla bambina “ci vediamo”, e le dette un buffetto sulla guancia. L’uomo si lasciò dietro un pasto caldo la sera, una moglie invecchiata e una figlia che non si sa perché lo adorava. Davanti a sé, chissà.
La ragazzina crebbe e si prese un asino vero. Spazio ne avevano in campagna. Lo chiamò Lucignolo, come quello di Pinocchio. Lucignolo aveva il pelo morbido e poche pretese. Certo, era cocciuto come un asino e ogni tanto provava a spingere con la testa il cancello per aprirlo. Un giorno ci riuscì. In casa non c’era nessuno. Lucignolo respirò una folata di vento diversa, che veniva dai campi più in là. C’erano odori nuovi. Era appena primavera. Nel silenzio della cascina vuota scacciò un tafano con la coda e si mosse per uscire. Qualcosa lo bloccò nel momento di scendere il primo scalino. Alle sue spalle c’era un pasto sicuro la sera, una padrona cresciuta e una strigliata ogni tanto. Davanti a sé, chissà. Scese il primo scalino, poi il secondo e si avviò per i campi.
L’amore per gli asini se lo portava dietro dal presepe. Da bambina, era l’unica cosa che suo padre aveva tempo di fare con lei. Babbo Natale e i regali non le importavano. Ogni anno aspettava il presepe. “L’asinello lo metti tu”, le diceva lui con dolcezza. Lei lo andava a incastrare nella capanna, con le zampe nel muschio fresco, guadagnandosi una carezza sulla testa. Durava pochissimo, ma era il suo Natale. Andò così fino ai 10 anni. Un giorno il padre uscendo di casa disse alla bambina “ci vediamo”, e le dette un buffetto sulla guancia. L’uomo si lasciò dietro un pasto caldo la sera, una moglie invecchiata e una figlia che non si sa perché lo adorava. Davanti a sé, chissà. La ragazzina crebbe e si prese un asino vero. Spazio ne avevano in campagna. Lo chiamò Lucignolo, come quello di Pinocchio. Lucignolo aveva il pelo morbido e poche pretese. Certo, era cocciuto come un asino e ogni tanto provava a spingere con la testa il cancello per aprirlo. Un giorno ci riuscì. In casa non c’era nessuno. Lucignolo respirò una folata di vento diversa, che veniva dai campi più in là. C’erano odori nuovi. Era appena primavera. Nel silenzio della cascina vuota scacciò un tafano con la coda e si mosse per uscire. Qualcosa lo bloccò nel momento di scendere il primo scalino. Alle sue spalle c’era un pasto sicuro la sera, una padrona cresciuta e una strigliata ogni tanto. Davanti a sé, chissà. Scese il primo scalino, poi il secondo e si avviò per i campi.
Ha-meahèv ~ 1977
—
“L’amante” l’avevo letto a maggio se non sbaglio, ma credo di non averne mai parlato. Ed è una mancanza mia perché è una lettura che consiglio volentieri.
—
È il secondo romanzo che leggo dello scrittore israeliano e devo dire che come autore Yehoshua mi piace molto. Possiede una morbidezza e semplicità di stile nel raccontare le storie e sa essere allo stesso tempo coinvolgente. 
L’approfondimento psicologico dei vari protagonisti è fluido e intriso di tenerezza. 
In questo libro poi la particolarità è che ogni personaggio racconta gli eventi in prima persona e quindi si possono seguire i fatti da molteplici punti di vista. Ed è interessante, perché ci si trova davanti a tante isole che sono vicinissime, ma distanti tra loro anni luce in alcuni momenti. 🦋
——————————————————————————
#passionelibri #librisulibri #imieilibri #libribelli #libri  #ioleggo #leggerechepassione #leggere #all_shots #leggerefabene #leggeresempre #read #igreads #instabook #books #book #ticonsigliounlibro #blue #bibliophile #ilovebooks #booknerd #bookish #kindle #recensionivelocidilibri #bookaddict #bookstagram #bookofinstagram #bookshelf #bookworm #yehoshua
Ha-meahèv ~ 1977 — “L’amante” l’avevo letto a maggio se non sbaglio, ma credo di non averne mai parlato. Ed è una mancanza mia perché è una lettura che consiglio volentieri. — È il secondo romanzo che leggo dello scrittore israeliano e devo dire che come autore Yehoshua mi piace molto. Possiede una morbidezza e semplicità di stile nel raccontare le storie e sa essere allo stesso tempo coinvolgente. L’approfondimento psicologico dei vari protagonisti è fluido e intriso di tenerezza. In questo libro poi la particolarità è che ogni personaggio racconta gli eventi in prima persona e quindi si possono seguire i fatti da molteplici punti di vista. Ed è interessante, perché ci si trova davanti a tante isole che sono vicinissime, ma distanti tra loro anni luce in alcuni momenti. 🦋 —————————————————————————— #passionelibri #librisulibri #imieilibri #libribelli #libri #ioleggo #leggerechepassione #leggere #all_shots #leggerefabene #leggeresempre #read #igreads #instabook #books #book #ticonsigliounlibro #blue #bibliophile #ilovebooks #booknerd #bookish #kindle #recensionivelocidilibri #bookaddict #bookstagram #bookofinstagram #bookshelf #bookworm #yehoshua